LaPresse

E' il giorno delle sorprese: Brescia sorprende Venezia e raggiunge Sassari in semifinale

E' il giorno delle sorprese: Brescia sorprende Venezia e raggiunge Sassari in semifinale

Il 17/02/2017 alle 22:55Aggiornato Il 17/02/2017 alle 22:56

Non è un carnevale esaltante per la Venezia del basket, che perde 68-76 contro una splendida Germani trascinata da Landry, Burns e Luca Vitali. Sarà semifinale contro Sassari domani (sabato) alle 20.45.

Sidigas Avellino - Banco di Sardegna Sassari 69-68

Sassari supera Avellino di un punto (68-69) e approda alla semifinale di Coppa Italia, in programma domani alle 20.45 contro la vincente di Brescia-Venezia. Un'altra bella gara, partita per essere “facile” in favore della Sidigas, andata a +12 nel primo quarto e finita con l'esito opposto dopo un secondo tempo tiratissimo deciso dagli episodi.

Avellino-Sassari

Avellino-SassariEurosport

David Logan, già in panchina con la nuova divisa sociale, può ritenersi soddisfatto di quanto fatto dai compagni nei primi minuti. Pronti via e 8-0 Avellino con il canestro che sembra una vasca da bagno per Ragland e compagni. Sassari sbaglia l'approccio iniziale soprattutto in difesa e dall'arco i piccoli in maglia verde bruciano la retina con continuità (3/6 nel primo quarto, 5/10 dopo 20'). Dinamo aggrappata a Lacey e Lawal in avvio, ma contro le percentuali dal campo dei Lupi” c'è poco da fare: +10 raggiunto in finale di primo quarto, poi chiuso 22-13. Gap che si allarga nei secondi 10' con Ragland che dopo essere uscito per un colpo alla testa si prende sulle spalle la squadra e la porta a +12. La tripla di Bell toglie il tappo dal canestro di Sassari e sprona la squadra (-6); quella di Stipcevic riporta equilibrio (-3) e i due canestri fila – su dormite colossali di Avellino – ancora di Stipcevic e Lacey danno il primo vantaggio alla squadra sarda all'intervallo (38-39).

Il Banco di Sardegna parte forte anche nella ripresa e trasforma il -12 del primo tempo in +7 a metà terzo quarto. Ne esce – come accaduto ieri – una gara estremamente divertente ed equilibrata, con continui cambi di padrone. Avellino torna sotto e rimette la testa avanti (51-49) con la tripla del solito Ragland (16 punti) e così si procede nell'ultimo acceso periodo. Break sassarese a 5' dal termine con tripla di Carter (59-64), ma l'altalena è destinata ad arrivare fino alla sirena. Leunen sigla il nuovo vantaggio di Avellino (66-64). Sul +1 Sassari il fallo tecnico di Sacchetti rischia di compromettere la gran partita della Dinamo: Leunen ringrazia e pareggia dalla lunetta ma nel possesso successivo perde una pessima palla passandola direttamente alla panchina avversaria. Fesenko si addormenta su un rimbalzo già suo (in difesa) e Stipcevic lo punisce a 50” dalla fine (68-69). Finisce così, con l'ultimo tentativo in penetrazione di Ragland, finito solo sul ferro.

Umana Reyer Venezia – Germani Brescia 68-76

La Cenerentola Brescia fa un bello scherzo alla favorita Reyer Venezia e ottiene il pass per la semifinale di Coppa Italia, in programma domani sera contro Sassari.

E' proprio la debuttante a prendersi la scena in avvio di partita. Sull'asse Vitali-Berggren (12 punti nei primi 5' con 6/6 da due) la Leonessa costruisce il primo break (16-9), dominando il pitturato orogranata con i pick'n roll tra piccoli e lunghi. Vitali si conferma macchina da assist, ma tutta la squadra di Diana gioca più per il compagno che per sé e la cosa paga, almeno nel primo quarto, chiuso avanti di 10 (15-25). Risposta della Reyer con 13-2 di parziale a inizio secondo periodo: Brescia non segna per 3' di fila e Venezia mette la testa avanti per la prima volta sul 28-27. Landry con 4 punti crea un nuovo break per i suoi (+6), risponde Viggiano da oltre l'arco: Germani a +5 dopo i primi 20'.

Reyer Venezia-Germani Brescia Coppa Italia

Reyer Venezia-Germani Brescia Coppa ItaliaLaPresse

Il match procede in equilibrio tra errori individuali, infrazioni e lampi sporadici di bella pallacanestro. In questa trama si infila Franko Bushati: 2 punti nel quarto ma tantissima sostanza e Brescia rimette nuovamente la testa avanti a fine terzo quarto (55-56). La Leonessa, ferita nella parte centrale della partita, è più felina che mai negli ultimi 10', dove tira fuori gli artigli e vola a +8 con la bomba di Luca Vitali (11 punti e 8 assist). Brescia domina a rimbalzo offensivo e dall'arco Landry (19) è una stufa. Bushati, con grinta e dedizione, si guadagna il campo anche negli ultimi 3', nonostante la presenza in contemporanea del pari-ruolo Luca Vitali. La Germani tiene il comando delle operazioni e sfrutta a dovere i tanti secondi tiri di cui dispone. Venezia paga un'eccessiva rilassatezza a rimbalzo difensivo e non riesce – nell'ennesimo finale tirato di queste Final8 – ad impattare il match. E' festa per la Cenerentola della competizione, che si guadagna meritatamente il ballo delle semifinali contro Sassari.

Video - L’MVP della settimana: Royce O’Neal, di Gran Canaria

01:37
0
0