Eurosport

Il Real Madrid si riprende il fattore campo, anche l’Efes va avanti 2-1

Il Real Madrid si riprende il fattore campo, anche l’Efes va avanti 2-1

Il 26/04/2017 alle 23:14

Dal nostro partner OAsport.it

Dopo la qualificazione alla Final Four di Cska Mosca e Fenerbahce, resta da completare il quadro delle semifinaliste. Le serie tra Darussafaka e Real Madrid, e Anadolu Efes e Olympiakos ripartono entrambe dall’1-1 e da Istanbul.

L’Anadolu Efes vince gara 3 e si porta ad un passo dalla Final Four. I turchi approcciano meglio la partita. Gli ospiti infatti, ci mettono più di tre minuti per segnare il primo canestro ma quando lo fanno non si fermano. I canestri di Vassilis Spanoulis e Georgios Printezis portano l’Olympiakos in vantaggio (14-17 a fine primo quarto). Il vantaggio greco si estende fino al 15-20 prima che i biancorossi vengano sopraffatti dall’energia (e dalle schiacciate) di Bryant Dunston e Derrick Brown. Il parziale turco arriva fino al 14-0 a cavallo del riposo lungo (41-27). L’ondata turca sembra travolgere l’Olympiakos ma guai a sottovalutare l’orgoglio dei greci: prima una tripla di Vangelis Mantzaris, poi cinque punti di Ioannis Papapetrou riportano gli ospiti in singola cifra di svantaggio (53-45). È Spanoulis a completare l’opera. Due sue triple portano i greci a -1 (61-60), a 30” dalla fine, ma il tentativo successivo non trova il fondo della retina. Thomas Heurtel e Tyler Honeycutt chiudono i giochi dalla lunetta. Il finale è 64-60 per l’Efes. I turchi vedono lo striscione del traguardo e venerdì avranno la possibilità di aggiudicarsi il terzo e decisivo punto della serie, qualificandosi alla Final Four casalinga. È Dunston il migliore con 16 punti e 9 rimbalzi, accompagnato dai 13 di Heurtel e i 12 di Brown. Il solito Spanoulis (15 punti, unico in doppia cifra per i greci) non basta all’Olympiakos, ora con le spalle al muro.

Il Real Madrid si riprende il fattore campo della serie vincendo sul campo del Darussafaka. La gara si mette subito bene per gli spagnoli: dopo la tripla iniziale di Will Clyburn, si scatena il talento di Luka Doncic. Lo sloveno realizza 8 punti nella prima frazione, così come il compagno Anthony Randolph. Il Real è quindi subito in doppia cifra di vantaggio (11-21). Il grande protagonista del secondo quarto è invece Jaycee Carroll, che realizza 11 punti, con tre triple, portando gli spagnoli all’intervallo avanti 33-46, dopo un massimo vantaggio di 14 lunghezze (27-41). Il riposo non cambia lo spartito della gara e Gustavo Ayón firma il +19 (49-68). I blancos probabilmente commettono l’errore di considerare l’incontro già vinto ma si sbagliano. Brad Wanamaker e Scottie Wilbekin svegliano il Darussafaka, che a 7 minuti dalla fine, con il canestro di Ante Zizic, è di nuovo in singola cifra di svantaggio (68-75). I turchi riescono ad arrivare anche fino al -3 grazie a Wanamaker (10 punti nel quarto periodo). Il Real barcolla ma Doncic e Carroll riescono a tenere i padroni di casa a distanza. Due canestri incredibili di Sergio Llull invece, chiudono la contesa nell’ultimo minuto. Finisce 81-88 per il Real Madrid che in questo modo avrà l’opportunità, sbancando di nuovo Istanbul, di qualificarsi direttamente alla Final Four senza passare per gara 5, che comunque affronterebbero in casa. Il migliore dei blancos è Carroll, che chiude con 21 punti, frutto di un 5/8 da tre sporcato solo nella frazione finale. Ayón sfiora la doppia doppia (18 punti e 9 rimbalzi) così come Doncic (13 punti e 8 rimbalzi), in una partita in cui vanno in doppia cifra anche Randolph e Llull (12 punti). Sono invece 20 i punti di Zizic per i padroni di casa, Wanamaker chiude con 17 e 9 assist, mentre Wilbekin realizza 18 punti.

0
0