LaPresse

Frenata dell'Olimpia, ko dalla Stella Rossa di un super Simonovic

Frenata dell'Olimpia, ko dalla Stella Rossa di un super Simonovic

Il 17/11/2016 alle 20:50Aggiornato Il 17/11/2016 alle 23:24

L'Olimpia di coach Repesa cade a Belgrado dopo la striscia di due vittorie consecutive. 83-70 il punteggio finale a favore della Stella Rossa. Uomo partita un Simonovic da 23 punti (5/9 da tre), che contribuisce a rilanciare le quotazioni dei serbi nella regular season di Eurolega. A Milano non basta un Alessandro Gentile da 14 punti. Decisivo il parziale di 23-13 nel 2° quarto per Simonovic & Co.

Continua il saliscendi dell’EA7 in un’Eurolega sempre più equilibrata e imprevedibile. Dopo le esaltanti vittorie contro Anadolu Efes e Saski Baskonia, l’Olimpia di coach Repesa è incappata in una pesante (e nel complesso meritata) sconfitta nel catino infuocato della Kombank Arena di Belgrado. 83-70 il punteggio a favore della Stella Rossa di Dejan Radonjic, trascinata da un superlativo Marko Simonovic. Il referto del 30enne serbo è eloquente: 23 punti con un 5/9 nei tiri da oltre l'arco. Doppia cifra anche per l'ex Milwaukee Bucks e New Orleans Pelicans Nate Walters, autore di una prestazione da 14 punti e 6 assist.

Decisivo ai fini della vittoria serba il parziale del secondo quarto di 23-13 dopo partenza a razzo dell’Olimpia grazie a un ritrovato Alessandro Gentile (14 punti con calo vertiginoso nel secondo tempo) che fruttava un incoraggiante 19-14; secondo tempo a senso unico con pessima gestione della palla a spicchi degli ospiti. Successo, quella della Stella Rossa, figlio di un’arcigna difesa e di un’aggressività indubbiamente superiore a quella mostrata da Raduljica e compagni.

Complice la sconfitta in terra serba l'Olimpia scivola dalla zona playoff e viene agganciata nella classifica di regular season a quota 8 (vittorie e sconfitte equamente ripartite) proprio dalla Stella Rossa di Radonjic. Il prossimo impegno per Gentile e compagni è in programma per giovedì 24 novembre al Forum contro il temibile Fenerbahce dell'azzurro Gigi Datome. Lo scenario della massima competizione europea per club è in continuo divenire e può dunque cambiare da una giornata all'altra; l'imperativo categorico per l'Olimpia è quelle di resettare tutto in vista del prossimo match.

***

Video - Eurocup: Bayern Monaco-Zenit San Pietroburgo 88-99, gli highlights

03:13
0
0