LaPresse

L'Olimpia Milano sfiora l'impresa a Madrid: il Real la spunta solo in un finale thrilling

L'Olimpia sfiora l'impresa a Madrid: il Real la spunta solo in un finale thrilling

Il 27/01/2017 alle 23:15Aggiornato Il 27/01/2017 alle 23:18

La squadra di Repesa sogna per 39 minuti l'impresa contro i Blancos che evitano la sconfitta solo in un finale (94-89 il finale), grazie a un super Llull. Resta una prova di sostanza dei biancorossi contro una big del torneo e la consapevolezza che con questa grinta e questo atteggiamento si potrà fare tanta strada.

Una delle più belle Milano della stagione sfiora l’impresa a Madrid. Il Real si impone 94-89 al termine di una partita che si è decisa solamente nell’ultimo minuto, quando anche la fortuna non è stata amica dell’Olimpia. L’Emporio Armani disputa comunque una grandissima partita, aumentando i rimpianti per un cammino europeo che poteva certamente essere diverso e che è stato compromesso in maniera dalle dieci sconfitte consecutive.

Non basta all’Olimpia un Krunoslav Simon da 20 punti ed inoltre per Milano c’è anche il buon contributo da parte di Zoran Dragic e Miroslav Raduljica, che chiudono rispettivamente con 13 e 12 punti. Nel Real il migliore è Sergio Llull con 20 punti, ma decisivi sono anche Luka Doncic con 17 punti e Jaycee Carroll con 16.

Milano è presente nel primo quarto e gioca partita pari con il Real Madrid. Gli spagnoli tentano un primo mini allungo con una tripla di Llull sulla sirena dei 24 secondi ed un appoggio al ferro di Ayon (11-6), ma ci pensa McLean a tenere a contatto l’Olimpia. Nel finale si accende Simon con due belle penetrazioni, ma alla prima sirena è vantaggio spagnolo per 22-18, con la tripla di Pascolo all’ultimo secondo sputata dal ferro.

L’Olimpia continua il buon momento anche nel secondo quarto con un bel parziale di 7-3 condito dalla tripla di Simon e i canestri di Dragic e Raduljica. Cinciarin mette grande intensità nell’attacco milanese e da una sua penetrazione nasce il vantaggio milanese (31-30). Ad un certo punto inizia un festival di triple con Llull, Sanders e Doncic. Il Real torna nuovamente avanti sul +5 (44-39) sempre con il suo play. L’Olimpia, però, gioca bene e resta incollata ai padroni di casa: schiacciata di Sanders e poi tripla di Hickman per il -1 a due minuti dall’intervallo (46-45). Il parziale si allunga e diventa di 7-0 e all’intervallo una grandissima Milano è in vantaggio 49-46.

Anche al rientro dagli spogliatoi Milano continua a giocare bene e sfrutta molto McLean, che si destreggia bene in post ed è il principale protagonista del parziale che porta l’Olimpia sul 56-50. Immediata la reazione madrilena con la tripla di Carroll e l’appoggio al vetro di Ayon (56-55) a metà terzo quarto. Un gioco da tre punti di Llull firma il nuovo vantaggio per il Real sul 62-59. Kruno Simon diventa incontenibile per la difesa spagnola, Raduljica si accende e poi c’è la solidità di Dragic. Il risultato è Milano avanti 73-69 prima dell’ultima sirena.

La tensione è altissima e Doncic apre il quarto con una tripla. Milano si affida a Simon ed Hickman e la bomba del play firma il +5 (79-74), ma arriva l’immediata reazione del Real che torna sul -1. Arriva anche la tripla del solito Sergio Llull con i padroni di casa che tornano avanti 81-79 a cinque minuti dalla fine della partita. Si gioca punto a punto con il Real che va quasi sempre dal suo play e con Milano che trova punti e canestri un po’ da tutti. La sfortuna nell’ultimo minuto gira le spalle a Milano: grande difesa milanese e poi un rimpallo premia incredibilmente Ayon per il +4. L’EA7 perde palla e Doncic in contropiede firma la schiacciata del +6 a trenta secondi dalla fine. C’è anche la reazione milanese, con Kalnietis che firma anche il -3, ma un antisportivo abbastanza dubbio fischiato a McLean mette fine alla partita. Vince il Real, ma Milano esce dal campo a testa altissima

Questo il tabellino della partita

REAL MADRID – EA7 EMPORIO ARMANI MILANO (22-18; 24-31; 23-24;

Real : Randolph 7, Draper, Nocioni, Doncic 17, Maciulis 3, Reyes 4, Ayon 10, Carroll 16, Hunter 12, Llull 20, Thompkins, Taylor 5

Milano : McLean 9, Fontecchio, Hickman 9, Kalnietis 4, Raduljica 12, Dragic 13, Macvan 8, Pascolo, Cinciarini 4, Sanders 8, Abass 2, Simon 20

Video - L'incredibile destino di Isaiah Austin: può tornare a giocare dopo la malattia

01:05
0
0