From Official Website

L'Italia batte la Slovacchia 68-61 e si giocherà lo spareggio per i quarti con l'Ungheria

L'Italia batte la Slovacchia 68-61 e si giocherà lo spareggio per i quarti con l'Ungheria

Il 19/06/2017 alle 22:33Aggiornato Il 19/06/2017 alle 23:07

Dal nostro partner OAsport.it

Capobianco sceglie Zandalasini in quintetto al posto dell’assente Macchi. L’Italia ha infatti bisogno di una realizzatrice e Cecilia inizia benissimo con un gioco da tre punti. La Slovacchia reagisce con un parziale di 7-0 ma ben presto inizia a prevalere la difesa italiana. Le azzurre mettono tanta pressione sulla palla e tengono le avversarie senza segnare negli ultimi 4 minuti del quarto. In attacco costruiamo buoni tiri, ma con qualche errore di troppo (6/19): al primo mini-riposo siamo comunque avanti 16-12. Senza Macchi, serve qualcuno che si assuma delle responsabilità in attacco e chi meglio del capitano: Masciadri apre il fuoco dall’arco, ispirando Dotto e Sottana (33-24). La fuga dell’Italia però dura poco: la Slovacchia alza la pressione in difesa, disorientando le azzurre con i cambi. Vynuchalova domina il pitturato (11 punti all’intervallo) e quando viene raddoppiata riesce a trovare Slamova e Ruzickova sul perimetro. La sirena di fine secondo quarto è quanto mai provvidenziale per l’Italia, che conserva un minimo vantaggio (33-30).

Il riposo fa bene alle azzurre: Dotto si scatena al ritorno in campo, scuotendo le compagne con cinque punti consecutivi e l’assist per Ress. L’Italia prova a scappare nuovamente e ritrova grande energia in difesa, recuperando tanti palloni tramutati in punti in contropiede. Il canestro di Penna sulla sirena regala il +12 a fine terzo quarto (55-43). All’inizio degli ultimi dieci minuti però, la Slovacchia torna ad alzare l’intensità in difesa e l’Italia si inceppa nuovamente. Le slovacche trovano forze fresche in attacco, con Balintova, fuori nel primo tempo visti i tre falli, e Ruzickova. Le azzurre vedono lo spettro della rimonta, come nel secondo quarto, ma ci pensa Cecilia Zandalasini a svegliare le compagne. Sottana la segue a ruota ed insieme ai punti l’Italia ritrova intensità in difesa, vero barometro del momento delle azzurre. La Slovacchia sbatte contro il muro italiano: il canestro di Ress ad un minuto dalla fine chiude i giochi. L’Italia vince 68-61 e vola agli ottavi contro l’Ungheria.

Bella prova in una partita non certo spettacolare dal punto di vista tecnico per l’Italia. L’importante però era portare a casa la vittoria e le ragazze di coach Capobianco ci sono riuscite alla grande. Missione compiuta dunque. La miglior realizzatrice azzurra è stata Cecilia Zandalasini, che ha chiuso con una pazzesca doppia doppia da 15 punti e 12 rimbalzi. 15 sono anche i punti di Giorgia Sottana: in assenza di Macchi, l’Italia ha bisogno delle sue due punte di diamante ma soprattutto di un gruppo in grado di resistere alle difficoltà e di portare a casa quella somma di piccole cose che permettono di vincere. Tutte, eccetto Cinili, sono infatti andate a referto stasera.

ITALIA – SLOVACCHIA 68-61 (16-12, 17-18, 22-13, 13-18)

Italia: Penna 4, Gorini 2, Sottana 15, Zandalasini 15, Dotto 11, Masciadri 3, Formica 6, De Pretto 4, Crippa 2, Ress 6, Cinili

Slovacchia: Mikulasikova 2, Remenarova 5 Zirkova, Dudasova 4, Oroszova 6, Balintova 13, Jurcenkova 2, Ruzickova 9, Vynuchalova 11, Kovacikova, Slamova 9

alessandro.tarallo@oasport.it

0
0