Imago

I Thunder omaggiano Westbrook con un video molto emozionante: "I campioni cambiano la storia"

I Thunder omaggiano Westbrook con un video molto emozionante: "I campioni cambiano la storia"

Il 14/04/2017 alle 23:00Aggiornato Il 14/04/2017 alle 23:06

Gli Oklahoma City Thunder hanno voluto omaggiare Russell Westbrook con un video davvero toccante nel quale si riescono a riconoscere anche altri campioni dello sport. Il messaggio rivolto al “Big 0” è che i campioni non solo accettano le sfide, ma ne fanno delle vere e proprie occasioni per cambiare il corso della storia.

Si è conclusa la regular season in NBA e, per Russell Westbook, si è chiusa anche una grande parentesi della sua carriera con la palla a spicchi. Ha fatto suo un record che apparteneva a Oscar Robertson e ha portato gli Oklahoma City Thunder, orfani di Durant, al sesto posto di Conference.

Proprio OKC ha voluto ringraziare il campione di Long Beach con un video proiettato alla Chesapeake Energy Arena, non solo davanti al pubblico che aveva occupato in ogni ordine il palazzo, ma anche alla presenza dello stesso Robertson.

Il video è particolarmente toccante, una piccola pellicola nella quale la stagione di Westbrook è stata paragonata a quella di alcuni campioni dello sport, tra cui lo stesso Robertson ma anche Roger Federer, Serena Williams e Joe DiMaggio, solo per citarne alcuni.

" I campioni moderni sono merce rara. La loro devozione è costante. Non si tirano mai indietro. Sono ossessionati dai dettagli. I campioni si danno la carica. Fanno sì che le sfide. Diventino le opportunità della vita. I campioni cambiano la storia, verso il futuro."
Russell Westbrook - NBA 2017

Russell Westbrook - NBA 2017LaPresse

Oscar Robertson si è espresso sul record della guardia di OKC e non si è nemmeno scomodato tanto nell'urlare a tutto il palazzo che proprio Westbrook, oltre a firmare il record delle triple doppie, deve necessariamente scrivere il suo nome anche su un altro titolo, quello di MVP.

" Quando Russell Westbook ha portato a termine quest’impresa, ho sentito la necessità di dover essere presente. Quello che ha fatto è qualcosa di storico. È stato spettacolare, quello che ha fatto e soprattutto il modo in cui l’ha fatto e voi tifosi dovete essere orgogliosi di lui. Non ho molto altro da dire se non: M-V-P!"

Il microfono è poi passato nelle mani di Westbrook che lasciava trasparire la naturale emozione di essere in quel posto, in quel momento ed essere premiato per il suo record.

" Non è mai troppo presto per essere grato e riconoscente con tutti per i traguardi raggiunti. Penso che sia doveroso ringraziare i miei compagnii che mi hanno messo nella condizione di poter essere qui al fianco di Oscar Robertson, sul parquet di Oklahoma City, al termine di una regular season incredibile. Sono davvero felice di poter vivere ogni singolo istante di questa giornata"

Video - La favola di Thon Maker: dalla guerra civile in Sud Sudan alla NBA

01:07
0
0