Eurosport

Shock a Los Angeles: Zach Randolph arrestato, aveva con sé quasi un chilo di marijuana

Shock a Los Angeles: Zach Randolph arrestato, aveva con sé quasi un chilo di marijuana

Il 10/08/2017 alle 23:32Aggiornato Il 10/08/2017 alle 23:44

L'ala dei Sacramento Kings ha passato la notte in cella dopo essere stato fermato insieme a due amici. Rilasciato su cauzione (20mila dollari), il 31 agosto dovrà presentarsi in tribunale per rispondere delle accuse di spaccio.

Zach Randolph, giocatore dei Sacramento Kings con i quali ha firmato a luglio un biennale da 24 milioni, è stato arrestato a Los Angeles per possesso di marijuana. In California è stato recentemente legalizzato il possesso di Cannabis fino all’oncia, ma Randolph – stando a quanto riporta il sito TMZ – era in possesso di quasi un chilo di erba. Quantitativo talmente alto da far scattare da parte delle autorità l’accusa di spaccio.

La polizia sarebbe stata avvertita per via di schiamazzi provenienti dalla zona di Watts (un quartiere a sud della città) e nel gruppo di persone protagoniste c’era anche il giocatore dei Kings. Gruppo che avrebbe anche provato a bloccare l’accesso a una strada, costringendo i residenti a chiamare la polizia, che ha provato prima a disperdere il gruppo e alla fine ha arrestato tre persone. La vicenda ha rischiato di finire molto peggio perché al momento dell’arresto alcune persone hanno attaccato la polizia lanciando sassi e bottiglie, danneggiando alla fine ben sei volanti (!).

Nottata in prigione quindi per Randolph e gli altri due arrestati, con la polizia che all’interno della stessa operazione avrebbe anche sequestrato armi, droga e contanti. La mattina il giocatore è stato rilasciato su pagamento della cauzione (20.000 dollari), ma il 31 agosto dovrà recarsi in tribunale per rispondere delle accuse.

Video - Aradori a BdM: "Siamo i primi a voler vincere: lo meritiamo, ma dobbiamo dimostrarlo"

04:07
0
0