LaPresse

Dwyane Wade rescinde con Chicago: va a Cleveland da LeBron James?

Dwyane Wade rescinde con Chicago: va a Cleveland da LeBron James?

Il 25/09/2017 alle 08:55Aggiornato Il 25/09/2017 alle 09:00

Dwyane Wade esce dal contratto con i Chicago Bulls rinunciando a una fetta dello stipendio della prossima stagione ed è ora free-agent: su di lui ci sarebbero Cleveland, Miami, San Antonio e Oklahoma City, con i Cavs dell'amico LeBron James in pole position.

L'ultima fase dello smantellamento dei Chicago Bulls per la nuova rifondazione è arrivata: Dwyane Wade ha rescisso il contratto che lo avrebbe legato per un'altra stagione alla franchigia dell'Illinois, lasciando sul piatto 8 dei 23 milioni di dollari che avrebbe dovuto incassare, ed è ora free-agent e libero di trovarsi una nuova sistemazione prima dell'inizio della regular-season.

Nonostante le 35 primavere e le cifre ovviamente in calo rispetto al suo prime (comunque 18.3 punti, 4.5 rimbalzi e 3.8 assist nella passata stagione), le corteggiatrici per Wade non mancano: i Cleveland Cavaliers sarebbero subito emersi come favorita, anche in merito alla profonda amicizia con LeBron James, ma in corsa ci sarebbero anche i San Antonio Spurs, i Miami Heat e gli Oklahoma City Thunder, reduci dalla trade che ha portato Carmelo Anthony al fianco di Russell Westbrook e Paul George.

Miami è la squadra che, al momento, avrebbe la disponibilità economica più importante, capace di mettere sul tavolo un'offerta annuale da 4.2 milioni di dollari, seguita dagli Spurs (3.3 milioni), dai Cavs (2.5 milioni) e dai Thunder (2.3 milioni). Cleveland, però, è già ampiamente sopra il tetto salariale, e aggiungere Wade costerebbe 10.5 milioni di luxury-tax.

"Mi prenderò due giorni di tempo per parlare con le squadre e i giocatori che sono sulla mia lista - ha dichiarato Wade -. La mia sarà una decisione puramente sportiva, e farò quella che, in questo momento della mia carriera, si adatterà meglio alle mie esigenze, rispetto a quanto potrò dare io alla squadra e la squadra a me".

Video - Da Parker a Nash: gli snobbati al Draft che sono diventati leggende

01:27
0
0