Getty Images

I risultati della notte: Golden State rimonta San Antonio e vince gara-1

I risultati della notte: Golden State rimonta San Antonio e vince gara-1

Il 15/05/2017 alle 07:23

Dal nostro partner OAsport.it

Pericolo scampato, per i Golden State Warriors. La squadra californiana ha vinto la prima partita di Finale di Conference contro i San Antonio Spurs davanti al pubblico di casa, faticando molto sopratutto nella prima metà di gara salvo poi rimontare e imporsi nel finale al termine di 48′ ricchi di emozioni.

Gi Spurs hanno iniziato forte sin dal primo quarto. Dopo qualche minuto di sostanziale parità la formazione texana ha costruito il primo vero vantaggio della partita, appoggiandosi ad un LaMarcus Aldridge subito in partita ed efficiente in zona offensiva. In particolare, gli Speroni hanno accelerato sul finale del periodo chiudendo sul 30-16 e operando un’ottima difesa, indirizzando il match su ritmi bassi che hanno messo in difficoltà Golden State. Lo stesso copione si è ripetuto anche nel secondo quarto e addirittura San Antonio è arrivata a toccare il 46-21, con 25 lunghezze di margine sugli avversari, favoriti per il passaggio del turno. Alla sirena di metà partita il punteggio si è assestato sul 62-42.

La musica è cambiata completamente nel terzo quarto e in particolare nella fase centrale: gli Warriors sono entrati in the zone e hanno trascinato con loro tutta la Oracle Arena, firmando un parziale di 17-0 in poco più di tre minuti che ha ridotto sensibilmente il vantaggio degli ospiti. In particolare hanno ritrovato in Steph Curry un vero leader, oltre i 30 punti già a 4′ dal termine del terzo quarto. In qualche modo, gli Spurs sono riusciti a fermare il momento celestiale degli avversari, grazie a Manu Ginobili che ha trovato le giocate giuste nel momento giusto per andare a chiudere il parziale 90-81.

Golden State, complice un infortunio alla caviglia che ha costretto Leonard ad uscire dal campo nel terzo quarto, ha completato la rimonta superando gli Spurs sul 101-100, trascinati questa volta da Kevin Durant e Shaun Livingston, mentre le energie e le idee di San Antonio sono andate via via esaurendosi con il passare dei minuti e rotazioni poco profonde a causa degli infortuni e del problema falli di Pau Gasol. Il punteggio finale si è fissato sul 113-111 con brivido nell’ultimo minuto in cui San Antonio è quasi riuscita a riaprire la contesa.

Per Golden State, come detto, ottime partite per Steph Curry e Kevin Durant che hanno messo a referto rispettivamente 40 e 34 punti, sommando 74 dei 113 totali della squadra. Partita di sostanza, invece, per Draymond Green, con 9 punti, 7 rimbalzi e 7 assist e tanta difesa su Aldridge. Proprio Aldridge è stato il miglior marcatore di San Antonio con 28 punti, mentre Leonard si è fermato a 26 con meno di 24′ di utilizzo a causa dell’infortunio. Da sottolineare anche i 17 di un Manu Ginobili che ha tenuto a galla la squadra nei momenti più difficili con personalità, difesa e canestri impossibili.

Gara 2 nella notte tra martedì e mercoledì alle 3.00 ora italiana sempre in casa di Golden State.

gianluca.santo@oasport.it

0
0