Getty Images

L'infortunio all'anca di Isaiah Thomas preoccupa Cleveland, salta la trade con Irving e Boston?

L'anca di Thomas preoccupa Cleveland, salta la trade con Irving e i Boston Celtics?

Il 26/08/2017 alle 09:45Aggiornato Il 26/08/2017 alle 10:02

Clamorosa indiscrezione di ESPN che rivela come i Cavs starebbero valutando in queste ore la possibilità di far saltare il maxi scambio con Boston dopo aver visionato da vicino le condizioni dell'anca di Isaiah Thomas.

Lo scambio Irving-Thomas, la trade più chiacchierata dell’ultima settimana in NBA e che ha sconvolto gli equilibri della Eastern Conference, potrebbe anche non andare in porto. La clamorosa rivelazione arriva dalla solita attendibilissima voce di Adrian Wojnarowski di ESPN, che sottolinea come i Cleveland Cavs siano molto preoccupati dalle condizioni dell’anca di Isaiah Thomas, il principale asset ottenuto nella trade coi Celtics per Irving che ha coinvolto anche Jay Crowder e Ante Zizic, e in queste ore si stanno valutando se chiedere a Boston di rinegoziare l'intesa, includendo altri asset come risarcimento per il danno di Thomas, o addirittura far saltare lo scambio, riprendendosi lo scontento Irving, che ai Cavs non vuole più stare.

I problemi di Thomas

Il piccolo grande Isaiah è fermo da fine maggio, quando saltò le ultime tre partite della Eastern Conference Finals contro i Cavs, per una lesione al labbro dell'anca sinistra. Thomas, insieme alla franchigia biancoverde, avevano deciso di non intervenire chirurgicamente ma di attuare una terapia conservativa per curare il problema. Per tutta l’estate il problema di IT non sembrava così grave ma quando il GM di Boston Danny Ainge, a margine della conferenza stampa con cui ha annunciato lo sbarco di Irving a Boston, ha dichiarato che "l'infortunio di Thomas ha avuto un ruolo nella scelta di completare lo scambio” si è intuito che il problema del 28enne playmaker di Tacoma è certamente più serio del previsto.

Per i Cavs le condizioni di Thomas non sembravano essere un problema ma lo sarebbero diventate dopo il consulto medico al quale il ragazzo si è sottoposto ieri. I Cavs ora hanno tre strade davanti: completare comunque la trade come era stata concordata martedì, chiedere a Boston di inserire qualcosa in più nel pacchetto per Irving (ESPN ipotizza un’altra scelta al draft oltre alla prima scelta del draft 2018 dei Brooklyn Nets, già inserita nella trade, ndr), oppure far saltare il banco. Al momento quest’ipotesi appare la più improbabile, in passato però è accaduto che alcune trade siano state annullate, dopo che erano state ufficializzate da due franchigie, per problemi fisici di alcuni giocatori presenti nell’affare. Staremo a vedere, di certo i colpi di scena non sono finiti qui…

Video - La favola di Thon Maker: dalla guerra civile in Sud Sudan alla NBA

01:07

0
0