facebook

Vincono allenate da una ’97: la storia magica di Bologna nel giorno del derby di Basket City

Vincono allenate da una ’97: la storia magica di Bologna nel giorno del derby di Basket City

Il 14/04/2017 alle 17:30

Basket Femminile. Serie A2, girone B. In campo la prima contro la seconda e in palio il fattore campo nei playoff. Bologna orfana del coach e del suo assistente, scende in campo con la sua giocatrice più piccola a fare le veci dell’allenatore e con una splendida rimonta dal -11 al +2 vince il match contro Vicenza e si candida per un posto in massima serie.

Oggi a Bologna si respira un’aria particolare.

È vero, questa sera a Basket City andrà in scena il derby di Bologna numero 105, Fortitudo contro Virtus, Bianco Blu contro V Nere, Fossa dei Leoni contro Forever Boys.

Ma a Bologna, c’è un’atmosfera diversa non solo per quanto concerne le vicinanze del PalaDozza. Fa talmente caldo a Basket City che quella temperatura quasi quasi ricorda le giornate di playoff.

Lo sa bene l’altra Bologna, la terza squadra cestisticamente parlando. Anzi no. La Basket Progresso Bologna, squadra femminile militante in A2, non può non essere la prima squadra della città.

Nella serata di Mercoledì, la Basket Progresso Matteiplast Bologna, si giocava il primo posto nel girone B di A2 femminile in casa della capolista Vicenza. Bologna era reduce da un inizio di campionato in crescendo ma poi qualche battuta d’arresto aveva permesso alle vicentine di recuperare piano piano posizioni in classifica, rendendo di fatto quella del girone B, una corsa a due per il primo posto che nei playoff, avrebbe garantito il fattore campo. E fin qui, nulla di eclatante.

Matteiplast Bologna

Matteiplast BolognaFrom Official Website

Peccato che Bologna, squadra costruita con un nucleo di Bolognesi Doc, si trovasse senza allenatore. Paolo Andreoli, infatti, si era dimesso 6 giorni prima a sole 2 giornate dalla fine della regular season lasciando le ragazze in mano ad Andrea Cotti. Nella serata di Vicenza però, Coach Cotti non poteva sedersi in panchina in quanto già assistente della serie B maschile di Cento e per regolamento Fip, non poteva quindi allenare anche un’altra squadra.

La Matteiplast aveva bisogno di qualcuno che le potesse guidare, anche solo emotivamente e che riuscisse a capire il gioco al punto da essere in grado di chiamare Time Out e i cambi nel momento in cui le giocatrici ne avessero avuto bisogno.

La leader, giocatrice e allenatrice d’occasione è quindi diventata Benedetta Poletti, classe 1997. Come se non bastasse, la Poletti era opposta a Coach Aldo Corno, uno che ha vinto 12 scudetti, 6 volte l’Eurolega e ha allenato la nazionale femminile per 11 anni. Roba da nulla, insomma.

Eppure, la voglia di vincere, la rabbia e la grinta hanno battuto l’autogestione. E hanno battuto anche Vicenza con un rimontone dal -11 al 60-62 finale.

Bologna vince la sfida per il primo posto nel girone B dimostrando di che pasta è fatta. Alla Matteiplast il fattore campo nei playoff. Benedetta Poletti, probabilmente tornerà ad essere giocatrice, prima ancora che allenatrice ma con il 100% di vittorie, potrebbe avere un gran futuro con la lavagnetta in mano.

E lo stesso grande futuro, è quello che aspetta la Matteiplast. Quindi, nel calore di piazza Azzarita, tra la folla che attende la Virtus e la Fortitudo, questa sera vanno grandi applausi anche alle ragazze del Basket Progresso che per cuore, grinta, gambe e per tutto quello che non si può dire a mezzo stampa, è senza dubbio la prima squadra di Bologna.

Video - La Top 3 della finale di Eurocup: decide la stoppata di Jeff Brooks!

00:59
0
0