Imago

Kaisa Mäkäräinen domina la gara sprint: Dorothea Wierer è quinta

Kaisa Mäkäräinen domina la gara sprint: Dorothea Wierer è quinta

Il 14/01/2017 alle 15:59Aggiornato Il 14/01/2017 alle 16:54

Dal nostro partner OAsport.it

Gara di altissimo livello nella sprint femminile di Ruhpolding, valida per la quinta tappa di Coppa del Mondo di biathlon 2016/2017: le migliori non hanno commesso errori al poligono, ma nonostante questo la finlandese Kaisa Mäkäräinen è riuscita a scavare un solco rilevante rispetto alle più immediate inseguitrici conquistando la prima vittoria stagionale.

Mäkäräinen ha imposto un ritmo alto sin dalla prima tornata e ha evitato gli errori al poligono che spesso le impediscono di salire sul gradino più alto del podio. Oggi, invece, ha portato a termine una prova perfetta che le ha di fatto consegnato il successo senza la necessità di dover aspettare le atlete che dovevano ancora partire grazie ad un risultato inattaccabile. Senza errori anche la ceca Gabriela Koukalova e la tedesca Laura Dahlmeier, rispettivamente prima e seconda nella classifica generale: le due rivali hanno chiuso la gara sul podio in quest’ordine, confermandosi davanti ma pagando 22 e 30 secondi dalla vincitrice di giornata, che anche in ottica inseguimento ha costruito un buon tesoretto da difendere. Quarta piazza per la francese Marie Dorin Habert, la prima delle umane sugli sci stretti dietro Mäkäräinen, ma staccata di 48” sul traguardo a causa di un errore commesso nella seconda serie di tiro.

Ottima quinta posizione per l’azzurra Dorothea Wierer, che non commettendo errori ha tenuto il passo delle migliori, pur pagando un format in cui perde qualcosa dalle varie Mäkäräinen, Koukalova e Dahlmeier. Il piazzamento di oggi, a 57” dalla prima piazza, oltre ad essere il migliore dell’intera stagione in una sprint, le consentirà domani di partire da una buona posizione nell’inseguimento, in cui quest’inverno ha già conquistato due podi.

Alle spalle dell’azzurra, hanno completato la top 10 Hildebrand, Oeberg, Vishnevskaya, Bescond e Gwizdon. Da segnalare la 13esima piazza di Darya Domracheva, che ha mancato l’ultimo bersaglio ma si è resa protagonista della prima prova veramente convincente dopo il rientro alle competizioni, anche se ancora le manca brillantezza per avvicinare le big del momento.

Notizie positive anche per il resto della squadra italiana. Federica Sanfilippo, nonostante due errori pesantissimi, ha chiuso in 20esima posizione, seguita a breve distanza da Alexia Runggaldier, 24esima con un bersaglio mancato, e Lisa Vittozzi, 27esima con lo zero. Le tre azzurre di fatto partiranno nell’inseguimento in un folto gruppo che va fino alla 16esima posizione e che potrebbe aiutarle a recuperare posizioni a patto di una gara precisa nelle quattro sessioni di tiro. Nicole Gontier si è classificata 80esima con 3 errori e di conseguenza non ha strappato la qualificazione per la pursuit.

Video - Staffetta femminile alla Germania: quinto posto per l'Italia senza Wierer

02:39
0
0