LaPresse

15 anni fa Italia-Corea del Sud e una sciagura di nome Byron Moreno

15 anni fa Italia-Corea del Sud e una sciagura di nome Byron Moreno

Il 18/06/2017 alle 16:08Aggiornato Il 18/06/2017 alle 16:10

Oggi, esattamente 15 anni fa, uno dei più chiari scandali sportivi mai condannati dalla giustizia: Byron Moreno e il suo arbitraggio in Italia-Corea del Sud del Mondiale 2002. Ripercorriamo quella giornata e la straordinaria vita di un personaggio che poi si rivelò per la sua reale natura...

Quindici anni fa esatti. Più o meno nella stessa ora in cui questo articolo viene pubblicato, considerando il fuso orario sudcoreano. Era un pieno pomeriggio di giugno, esattamente come questo, quando si consumò uno dei più grossi scandali sportivi di tutti tempi: Corea del Sud-Italia 2-1 dts. O più semplicemente, la partita di Byron Moreno.

Lo "ricelebriamo" oggi, a 15 anni esatti di distanza, in tutta la sua sciagura. La sciagura di una partita dove l’Italia dopo 6 minuti capì quale sarebbe stato più o meno l’andazzo, con un rigore contro concesso su cui Buffon disse di no. Poi il gol di Vieri ma la beffa di un pareggio nei minuti finali. Da lì in poi, dopo una partita dai gialli quantomeno fantasiosi, il capolavoro di Moreno nei supplementari: con un gol regolarissimo annullato a Damiamo Tommasi e l’espulsione di Francesco Totti per simulazione. L’Italia subì poi il 2-1 di Ahn al 117’ che fu la beffa finale di una partita – e una nazionale – che il match successivo con la Spagna e i più recenti scandali FIFA legati a Blatter, alimentarono i dubbi anche dei più garantisti riguardo allo straordinario cammino degli eroi di casa...

2002 World Cup Byron Moreno

2002 World Cup Byron MorenoReuters

Dubbi che probabilmente caddero definitivamente qualche anno dopo, quando Byron Moreno si rese protagonista di episodi, come dire, “fantasiosi”, anche in patria. Moreno infatti venne radiato a causa di un arbitraggio “anomalo” nella partita di campionato tra Liga di Quito e Barcelona Sporting Club, in cui si superò concedendo un rigore inesistente ai padroni di casa e 6 minuti di recupero; minuti che diventarono 13, giusto il tempo necessario per permettere al Liga di Quito di ribaltare definitivamente il risultato, squadra della città in cui Bayron Moreno era casualmente candidato al consiglio comunale (e dove poi non fu eletto).

Finita lì la carriera, il meglio di Moreno deve ancora arrivare, con vicissitudini nella vita privata che lo portarono secondo le cronache ad accumulare parecchi debiti. Probabilmente da lì la scelta geniale, nel 2010, di imbarcarsi verso il JFK di New York con addosso 6 chili di eroina dal valore di mezzo milione di dollari. Droga impacchettata intorno allo stomaco e le gambe e che fu prontamente rivelata allo scalo americano.

Un "colpo" che gli vale 30 mesi di carcere da scontare nel Metropolitan Detention Center di Brooklyn e di cui Moreno se ne fa 26, prima di essere rilasciato con un po’ di anticipo per buona condotta (si narra che si guadagnasse qualche spicciolo stirando vestiti agli altri detenuti e organizzando tornei di calcio).

Successivamente fu estradato dal governo americano in Ecuador insieme ad altri ex reclusi e dal quel momento si sono perse un po’ le tracce. Queste le ultime immagini disponibili e una sua intervista al rientro in patria, profondamente cambiato rispetto all’immagine con cui lo ricordavamo qui in Italia.

Di tutto questo però, insieme al nefasto ricordo di 15 anni fa, ricordiamo soprattutto la battuta di Gigi Buffon, che alla scoperta dell’arresto al JKF, nel 2010, si espresse così:

" Sei chili di droga? Li aveva già nel 2002, ma non nelle mutande... in corpo!"
0
0