Imago

Caso Dembélé: "sparisce" da Dortmund, ma il Borussia respinge il Barça e lo sospende

Caso Dembélé: "sparisce" da Dortmund, ma il Borussia respinge il Barça e lo sospende

Il 10/08/2017 alle 19:00Aggiornato Il 10/08/2017 alle 19:22

Il talento francese non si è presentato all'allenamento odierno, facendo preoccupare l'allenatore Bosz: "Non sappiamo dove sia". Il ds Zorc annuncia sanzioni: "Sabato in coppa non giocherà". Ma intanto i tedeschi continuano a fare muro: rifiutata un'altra offerta dei catalani, ritenuta insoddisfacente.

Dopo la ridda di voci e di indiscrezioni degli scorsi giorni, adesso si può dire con certezza: Ousmane Dembélé vuole lasciare il Borussia Dortmund e trasferirsi al Barcellona, attratto dalla corte dei catalani che con lui - e con Philippe Coutinho - vorrebbero colmare il vuoto lasciato dall'addio di Neymar. Sono ore calde, caldissime. Con un intervento a piedi uniti del calciatore, che di punto in bianco ha deciso di non presentarsi all'allenamento odierno, facendo preoccupare e al contempo arrabbiare l'ambiente giallonero.

"Non sappiamo dove sia"

A rivelare l'assenza di Dembélé, regolarmente in campo domenica nella Supercoppa tedesca persa ai rigori contro il Bayern Monaco, è stato Peter Bosz, l'allenatore, in conferenza stampa:

" Ousmane non si è presentato all'allenamento e non sappiamo dove sia. Abbiamo cercato di contattarlo, ma senza successo. Speriamo non gli sia accaduto nulla di brutto"

Il compagno di squadra Dan-Axel Zagadou gli ha addirittura twittato un preoccupato "Dove sei?", scatenando l'ilarità del web:

Secondo i rumours, l'ex gioiello del Rennes si sarebbe recato a Parigi in attesa di ricevere l'ok dal Borussia Dortmund per prendere il primo volo per Barcellona. Ma non vi sono conferme a riguardo. Quel che è certo, come detto, è il quasi frenetico desiderio del giocatore di vestire la maglia azulgrana. Lui che un anno fa, appena acquistato dai tedeschi, diceva: "Adesso non è ancora il momento, ma un giorno giocherò con il Barcellona". Quel giorno, almeno secondo il suo pensiero, sembra avvicinarsi sempre più.

Ora è guerra: sospeso!

Tramite un comunicato pubblicato sul proprio sito ufficiale, con tanto di dichiarazioni del direttore sportivo Michael Zorc, il Borussia Dortmund ha stigmatizzato il comportamento di Dembélé, annunciando sanzioni nei suoi confronti:

" Ousmane Dembélé oggi ha deciso in maniera ingiustificata di non allenarsi e, ovviamente, la sua è una decisione consapevole. Siamo costretti a sanzionare questo comportamento. In accordo con l'allenatore abbiamo deciso di sospendere il giocatore inizialmente fino alla partita di coppa in programma nel weekend (contro il Rielasingen-Arlen, in DFB-Pokal, ndr)"

Il Dortmund: "Rifiutata un'offerta"

Il problema, per Dembélé e il Barcellona, è che il Borussia Dortmund non ha alcuna intenzione di rimanere a guardare in maniera passiva. Tanto da permettersi di rifiutare una non quantificata offerta dagli spagnoli, come rivelato in un comunicato dallo stesso club tedesco:

" I rappresentanti del Barcellona ci hanno fatto pervenire un'offerta che non rifletteva lo straordinario valore del calciatore, specialmente nell'attuale situazione economica del mercato. Il BvB ha dunque respinto quest'offerta. Al momento non è previsto il trasferimento del giocatore al Barcellona, oggi non molto probabile"

E Klopp blinda Coutinho

Il no del Borussia Dortmund per Dembélé fa il paio con l'altro rifiuto incassato nelle scorse ore dal Barcellona: quello del Liverpool per Philippe Coutinho, per il quale i catalani hanno fatto pervenire un'offerta di circa 100 milioni di euro. Il manager Jürgen Klopp ha chiuso la porta: "Nessuno è incedibile, ma noi non abbiamo la necessità di vendere. Anche noi vogliamo costruire una squadra con i migliori giocatori". Insomma, chi pensava che con i 222 milioni - peraltro non ancora arrivati - provenienti da Parigi il Barcellona potesse fare il bello e il cattivo tempo sul mercato si sta ricredendo. Ed in effetti è una situazione paradossale fino a un certo punto, per un semplice meccanismo: chi sa che hai i soldi ti chiederà sempre una cifra superiore al dovuto. Specialmente nella giungla del calciomercato.

Video - Calciomercato: il Borussia Dortmund blocca Dembele, niente Barcellona

00:30
0
0