LaPresse

Facciamo i conti: la Juventus ringrazia le altre italiane, 260 milioni in 3 anni dalla Champions

Facciamo i conti: la Juventus ringrazia le altre italiane, 260 milioni in 3 anni dalla Champions

Il 20/04/2017 alle 21:49Aggiornato Il 20/04/2017 alle 21:50

Il club bianconero è stato quello ad aver ricevuto più milioni, tra premi per le prestazioni e market pool, dall’UEFA nelle ultime tre stagioni. Una Signora divenuta regina d’Europa. I risultati pagano: almeno 70 milioni più di qualunque altra squadra nel continente. Com’è possibile? I bianconeri devono “ringraziare” anche l’andamento deludente delle altre italiane

Video - La Juventus difende con gioia: ecco perché adesso fa paura a tutti

01:36

Più strada fai, più incassi

L'importo totale dell’UEFA, disponibile da distribuire ai club partecipanti alle coppe europee nel 2016/17 è di 1,7187 miliardi di euro, di cui 1,3189 miliardi alle squadre della UEFA Champions League e della Supercoppa UEFA. Basandosi su un importo netto di 1,2689 miliardi di euro per la Champions, le quote fisse sono di 761,9 milioni (premi per fase a gironi, prestazioni, bonus qualificazione), mentre le quote variabili saranno di 507 milioni (market pool). Tradotto: questo è il budget complessivo che l’ente che governa il calcio europeo distribuirà a fine stagione in base ai risultati raggiunti dalle varie squadre. Nel 2015/16 (scorsa stagione) l’importo totale era di 1,349 miliardi di euro, con un aumento di 315 milioni rispetto alla stagione precedente (2014/15). Le squadre che hanno incassato di più nel 2016 sono state Manchester City (83,8 milioni di euro), Real Madrid (80), Juventus (76,2, appunto) e Paris Saint-Germain (70,8). Nel 2015, quando la Juve ha perso la finale di Berlino, ha ricevuto la bellezza di 89 milioni di euro, che ne facevano, in quella stagione, di gran lunga la squadra più premiata d'Europa. Davanti al Barcellona campione (61 milioni) e al Real Madrid (poco più di 52 milioni). Normale che in un sistema a premi come questo conti fare più strada possibile. Ma, come è facile intuire, la maggior parte delle fortune bianconere passano dal sistema che distribuisce i diritti televisivi, il noto market pool.

Gli incassi dall'UEFA delle big

Squadra Milioni triennio 2014/15-2016/17
Juventus 262,6
Manchester City 187,6
Bayern Monaco 184,3
PSG 184
Real Madrid 176,5
Barcellona 158,5
Atletico Madrid 153,5

Un guadagno grandioso grazie al market pool...e alle altre italiane

Dei 260 milioni che fin qui ha incassato la Juventus dall’UEFA nelle ultime tre stagioni, addirittura 170 sono infatti derivanti dal market pool. Praticamente due terzi del totale. Questo perché il sistema di distribuzione dei diritti televisivi favorisce la squadra di un Paese che gioca più partite (la seconda fetta del market pool è proprio proporzionale alle gare giocate) e quella che nel precedente campionato si piazza meglio. Se ogni stagione la Juventus, oltre a vincere lo Scudetto, è anche di gran lunga la formazione italiana che disputa più partite in Champions e, se ogni stagione, le italiane nella competizione sono due anzichè tre, è normale che per i bianconeri le entrate crescano a dismisura. Le eliminazioni premature di Roma e Napoli hanno giovato alla Juventus, che, alla fine di questa edizione, potrebbe incassare quasi il doppio, ad esempio, rispetto al club azzurro. Il tutto senza ovviamente considerare ogni mega entrata da botteghino (biglietti) che garantiscono i big match come quelli col Barcellona (record d’incassi allo Stadium). Al contrario le tre spagnole più forti, essendo sempre in corsa fino alla fine, devono spartirsi con pazienza delle "fette di torta" molto simili.

Possibilità da vero top club: in arrivo altri colpi estivi?

Con queste premesse e la dovuta attesa per il finale di stagione che potrebbe regalare pagine storiche al club bianconero, la coppia Marotta-Paratici già pregusta un’altra sessione di mercato “faraonica”. La Juventus può e deve continuare ad investire, sia a livello giovanile che puramente tecnico per la prima squadra. Con tutte queste entrate, oltre ai rinnovi sostanziosi di contratto che stanno già arrivando (Dybala in primis, ma anche gli altri big verranno blindati), è inevitabile pensare che la società torinese si regali qualche altro innesto di assoluta qualità nel prossimo calciomercato. I nomi di Tolisso e Verratti sono concreti, ma per rimanere ai livelli delle altre grandi d’Europa, ogni estate la Juventus dovrà rimpolpare una rosa già forte e competitiva. Sicuramente, in ottica 4-2-3-1, serviranno anche un paio di pedine offensive. Calcolare un budget? Difficile, ma possiamo tranquillamente dire che la Juventus, continuando su questi standard, ha a disposizione 70-80 milioni l’anno per il solo mercato. Cifra inarrivabile, se non sporadicamente o una tantum, per qualsiasi altra squadra italiana.

***

Video - Marotta: "Accanto alla tecnica e alla qualità, c'è una mentalità vincente"

01:56
0
0