AFP

Insigne illude il Napoli, poi il Real Madrid ne fa 3: al San Paolo servirà un'impresa

Insigne illude il Napoli, poi il Real ne fa 3: al San Paolo servirà un'impresa

Il 15/02/2017 alle 23:33

Nell'andata degli ottavi di finale, Insigne gela il Bernabeu dopo 8 minuti. Poco dopo però pareggia Benzema e ad inizio ripresa Kroos e Casemiro (gol stupendo al volo) firmano il 3-1 finale. Il 7 marzo al San Paolo gli azzurri dovranno giocare la gara della vita, per ottenere il passaggio del turno. Discorso qualificazione comunque non ancora chiuso

Meno coraggioso del solito, meno arrembante, meno Napoli di Sarri. Al Bernabeu gli azzurri escono sconfitti da un Real Madrid per lunghi tratti superiore, ma tengono comunque aperto il discorso qualificazione. Per le differenze di valori viste in campo, in ogni caso, tra sette giorni servirà molto di più di un'impresa per ribaltare lo svantaggio e trovare la qualificazione ai quarti di finale. Timido, remissiva e quasi troppo riverente il Napoli, che anche considerando il vantaggio immediato e la grande occasione di Mertens a metà ripresa, esce con qualche rimpianto di troppo da questa sfida di andata. Il centrocampo del Real composto da Modric, Kroos e Casemiro, ha fatto la differenza. Nella squadra di Sarri male Zielinski, Mertens e la difesa. Buona prestazione di Insigne, il solo azzurro parso a livello di partite di questa levatura.

LA CRONACA

Il Napoli non sente la pressione inizialmente e all’ottavo minuto passa in vantaggio al Bernabeu: Hamsik sfrutta la sponda di Mertens e aziona Insigne, che con la coda dell’occhio vede mal posizionato Keylor Navas. Destro a giro di prima intenzione dai 30 metri e portiere del Real beffato. Il gran gol del 24 azzurro, però, sveglia il sonnolente Real, che da quel momento alza il ritmo. Il pressing alto dei blancos e le continue sovrapposizioni di Carvajal a destra e Marcelo a sinistra, mettono in ripetuta difficoltà la squadra di Sarri. Ci provano Ronaldo, Benzema e Modric, fino al pareggio del francese al 19’. Cross con l’esterno pregevole di Carvajal per lo stacco di Benzema, che si infila dietro il distratto Albiol e batte Reina. Il Real attacca ancora e sul finire di primo tempo sfiora il 2-1: grande giocata di Ronaldo per Benzema, che supera Reina in uscita, ma centra il palo esterno, sprecando il possibile vantaggio.

2017, Lorenzo Insigne, Real Madrid-Napoli, LaPresse

2017, Lorenzo Insigne, Real Madrid-Napoli, LaPresseEurosport

L’1-1 della prima frazione però dura pochissimo, perché ad inizio secondo tempo il Real piazza un uno-due da ko. Prima Ronaldo siede Koulibaly sull’out di destra e mette al limite per il piattone piazzato di Kroos, che infila nell’angolino il 2-1. Poco dopo Casemiro si inventa un siluro al volo da fuori clamoroso: 3-1 meraviglioso e Napoli alle corde 54’. Le merengues attaccano, gli azzurri provano a difendersi e tra il 68’ e il 70’ hanno due grandi occasioni per riaprire la partita. In entrambe è Mertens a fallire la chance: prima alza col destro da centro area una perfetta sponda volante di Callejon, poi Calcia addosso a Navas in uscita un preciso invito di Insigne. All’81’ viene anche annullato per fuorigioco (giustamente) un gol a Callejon, mandato in porta dal solito Insigne. Non ci sono più emozioni, se non un diagonale largo di Marcelo, che non trova la porta. Finisce 3-1, il 7 marzo servirà un'impresa alla squadra di Sarri per qualificarsi ai quarti di finale.

2017, Toni Kroos esultanza, Real Madrid-Napoli, AFP

2017, Toni Kroos esultanza, Real Madrid-Napoli, AFPAFP

LA STATISTICA CHIAVE

Inisgne è il sesto italiano a segnare al Bernabeu contro il Real Madrid nella moderna Champions. Prima di lui De Rossi, Cassano, Del Piero e Pirlo.

IL TWEET

IL MIGLIORE

Luka MODRIC – Signore supremo di un ruolo, che ormai interpreta come nessun altro al mondo. Silenzioso ma onnipresente, essenziale ma mai banale. In mezzo al campo il Real detta la sua legge e il croato ne è il più prestigioso e inflessibile rappresentante.

IL PEGGIORE

Dries MERTENS – Doveva essere la sua serata, la notte della consacrazione. E invece dal Bernabeu Mertens esce bocciato, tradito da una partita sottotono, da tanto movimento a vuoto e soprattutto con un’occasione d’oro sprecata al 68', che avrebbe trasformato il ritorno del San Paolo in tutt’altro tipo di gara.

IL TABELLINO di Real Madrid-Napoli 3-1

REAL MADRID (4-3-3): Navas; Carvajal, Varane, Ramos (Dal 71’ Pepe), Marcelo; Modric, Casemiro, Kroos; James Rodriguez (Dal 76’ Lucas Vazquez), Benzema (Dal 82’ Morata), Ronaldo. All. Zidane

NAPOLI (4-3-3): Reina; Hysaj, Albiol, Koulibaly, Ghoulam; Zielinski (Dal 75’ Allan), Diawara, Hamsik (Dall’84’ Milik); Callejon, Mertens, Insigne. All. Sarri

Arbitro: Skomina (Slo)

Gol: 8’ Insigne (N), 19’ Benzema (R), 49’ Kroos (R), 54’ Casemiro (R)

Ammoniti: Ramos, Zielinski, Modric, Mertens

***

Video - Il riscatto di Callejon: da scarto del Real, torna a Madrid da highlander

00:56
0
0