LaPresse

Sarri risponde a De Laurentiis: "Può dire ciò che vuole ma la nostra gara non è stata pessima"

Sarri risponde a De Laurentiis: "Può dire ciò che vuole ma la nostra gara non è stata pessima"

Il 15/02/2017 alle 23:24Aggiornato Il 16/02/2017 alle 00:09

Il tecnico del Napoli risponde alle critiche dure del presidente partenopeo: "De Laurentiis ha il diritto di dire la sua, ma son più contento quando parla prima con me. Mertens oggi non ha fatto la sua migliore partita ma ha avuto due occasioni nitide. Mi dispiace aver commesso troppi errori nella gestione del pallone ma non dimentichiamoci che affrontavamo la migliore squadra del mondo".

E’ un Maurizio Sarri sconsolato ma non arrendevole quello che si presenta in conferenza stampa dopo la sconfitta contro il Real Madrid che obbliga all’impresa il Napoli fra 20 giorni al San Paolo. Aurelio De Laurentiis ha usato parole dure dopo questa serata ma il tecnico non è d’accordo con questi giudizi così duri e si difende dal j’accuse a caldo del numero uno partenopeo.

Maurizio Sarri (Allenatore Napoli): “Il presidente è il presidente, può avere la sua idea e la può esprimere. Io sono l'allenatore e decido. Se avrà qualcosa da dire, me lo dirà e io gli darò le mie risposte. La squadra ha fatto una buona partita contro una grandissima squadra. E' difficile valutare la 'cazzimma' di una squadra che sbaglia troppo dal punto di vista tecnico. Ci sono mancate le ripartenze. Io partirei dal presupposto che contro il Real Madrid non si possono perdere 30-40 palloni nella propria metà campo. Se capiterà al Real una serata storta al ritorno, possiamo fargli male. Milik non ci può dare spezzoni di partita molto più lunghi. Palesemente, non è ancora prontissimo. Non è colpa di nessuno se si è infortunato. Pavoletti? Con la panchina a 18 le scelte sono obbligate per avere delle alternative in tutti i ruoli. Il Real Madrid è più forti di noi e i ragazzi sono stati in partita pur non facendo una grande partita. Se perdi palla al secondo passaggio è difficile fare una ripartenza. Sbagliando tecnicamente, è difficile dimostrare la faccia tosta. Sicuramente, giocare contro il Real Madrid in questo stadio può avere influito. Penso che il Real Madrid abbia fatto la migliore partita degli ultimi tre mesi. Al ritorno si può fare. Se giochiamo ad alto livello, possiamo impensierirli ma giocando così è difficile. Quando ci sarà la partita di ritorno, penseremo alla partita e sarà importante andarsi a giocare tutte le possibilità che ci rimangano. La sensazione è che in campo potevamo fare qualcosa in più. Sarà difficilissimo al ritorno e ci sarà da fare tantissimi gol, ma bisogna avere la convinzione di farcela. Maradona ha parlato 30 secondi prima della partita nello spogliatoio. Lui è un grandissimo: qualcosa scatena e, forse, non a caso, nei primi 15-20 minuti abbiamo fatto bene".

Dries Mertens (Attaccante Napoli): "Oggi dopo il nostro gol è brutto perdere 3-1. Abbiamo avuto l’occasione di fare gol, ho avuto l’occasione e dovevo fare gol. Quando è partito il tiro non pensavo finisse così lontano dal bersaglio. Dovevamo fare un po' di più, purtroppo non ci siamo riusciti. Abbiamo però ancora una gara al San Paolo, vedremo. In qualche momento abbiamo fatto bene, giocando il nostro calcio senza dimenticare che loro hanno grande qualità. Io non ho salvato la squadra con i miei gol quando abbiamo vinto, io faccio i gol che sono il frutto del lavoro di tutta la squadra. Ora dobbiamo essere forti e guardare solo a noi".

Zinedine Zidane (Allenatore Real Madrid): “Servivo io in panchina per battere le italiane? No, serviva un gran Real Madrid. Abbiamo fatto una grande partita così come loro. Abbiamo avuto un inizio strepitoso e abbiamo preso gol, poi è arrivato il pareggio e lì siamo rientrati in partita. Abbiamo fatto quello che dovevamo fare, abbiamo sofferto ma non significa niente. Dobbiamo giocarci il ritorno, a Napoli soffriremo sicuramente e vedremo come andrà. Sono l'unico ad avere fiducia in Benzema? Non sono l'unico ad averne. Lo criticano ma lui ha personalità. Gli mancava il gol, l'ha fatto e sono contento per lui. Benzema non è solo un giocatore che fa gol, Karim fa molte cose importanti per noi. Ronaldo ha solo due gol in Champions? Lui è forte comunque, non ha segnato oggi ma non fa niente, abbiamo vinto 3-1 e aspettiamo il ritorno. L'importante è giocare bene come fatto in questo match".

Video - Quando Maradona e il Napoli giocarono in un Bernabeu senza spettatori

00:52
0
0