Eurosport

Tottenham ancora ko: vince il Gent 1-0; volano Lione e Rostov, torna al gol Huntelaar

Tottenham ancora ko: vince il Gent 1-0; volano Lione e Rostov, torna al gol Huntelaar
Di Eurosport

Il 16/02/2017 alle 22:55Aggiornato Il 17/02/2017 alle 16:54

Seconda sconfitta consecutiva per la squadra di Pochettino, che dopo il 2-0 di Anfield perde anche sul campo del Gent nell'andata dei sedicesimi di finale di Europa League. Il Lione vince sul campo dell'AZ per 4-1 con una doppietta di Lacazette, anche il Rostov ipoteca gli ottavi con un netto 4-0 sullo Sparta Praga. Perde 1-0 il Celta Vigo in casa contro lo Shakhtar Donetsk.

Gent-Tottenham Hotspur 1-0 (59’ Perbet)

Non un gran momento per il Tottenham che dopo aver perso il treno Scudetto in Inghilterra (dopo la sconfitta per 2-0 contro il Liverpool) va ko anche nell’andata dei sedicesimi di finale di Europa League. Contro il Gent non riescono a pungere Kane e Alli, dall’altra parte segna invece l’ex Villarreal Perbet. Servirà una vittoria con due gol di scarto per riuscire a passare il turno (con l’1-0 si andrebbe ai supplementari).

Rostov-Sparta Praga 4-0 (15’ Mevlja, 38’ Poloz, 40’ C.Noboa, 68’ Azmoun)

Goleada del Rostov che mette già un piede agli ottavi di finali grazie al 4-0 sulla Sparta Praga, che nel girone aveva superato l’Inter. Apre i giochi Mevlja di testa, sugli sviluppi di un calcio d’angolo, mentre i cechi restano in 10 per l’espulsione di Konate. Va di male in peggio per la squadra ospite che nel finale di tempo va sotto per 3-0 con i gol di Poloz e Noboa. Nella ripresa si completa l’opera con il poker di Azmoun che, appena entrato, riesce a mettere la propria firma ad una storica vittoria europea per il Rostov.

Miha Mevlja, Rostov

Miha Mevlja, Rostovtwitter

AZ Alkmaar-Olympique Lione 1-4 (26’ Tousart, 45+2 e 57’ Lacazette; 68’ rig. Jahanbakhsh; 90+4 Ferri)

In avvio soffre il Lione anche se al 26’ arriva il vantaggio di Tousart che davanti alla porta firma l’1-0 sugli sviluppi di un calcio d’angolo. L’AZ non risponde e in pieno recupero arriva anche il bis dei Gones grazie alla rete di Lacazette che supera in dribbling il portiere Krul. Nella ripresa dilaga la squadra ospite che segna ancora con Lacazette e Ferri, nel mezzo il rigore realizzato dall’iraniano Jahanbakhsh. Buona la prima per il Lione che mette in ghiaccio la qualificazione agli ottavi.

Lucas Tousart et Corentin Tolisso (Lyon) heureux face à l'AZ Alkmaar

Lucas Tousart et Corentin Tolisso (Lyon) heureux face à l'AZ AlkmaarAFP

Celta Vigo-Shakhtar Donetsk 0-1 (27’ Blanco Leschuk)

Comincia male la fase ad eliminazione diretta per il Celta Vigo che viene superato in casa dallo Shakhtar Donetsk. La sconfitta, all’ultimo, contro l’Atlético Madrid si fa sentire nelle gambe e nella testa della squadra di Berizzo che lascia campo apertissimo alle ripartenze degli ospiti che trovano il vantaggio con il neo acquisto Blanco Leschuk al 27’. Nella ripresa i galiziani giocano all’attacco, ma non trovano il pari nonostante l’ingresso in campo di Pione Sisto e di Giuseppe Rossi.

PAOK Salonicco-Schalke 04 0-3 (27' Burgstaller, 82' Meyer, 90' Huntelaar)

Sesta vittoria in 7 gare in Europa League per lo Schalke 04 che sbroglia già la pratica sedicesimi di finale, andando a vincere in Grecia. Secco 3-0 al PAOK con reti di Burgstaller (17esimo gol in 24 partite in stagione), Meyer e Huntelaar che ritrova finalmente il gol dopo un brutto infortunio al ginocchio. Per l’ex Milan è il gol n° 50 in competizioni europee con squadre di club.

Klaas-Jan Huntelaar trifft gegen PAOK Saloniki

Klaas-Jan Huntelaar trifft gegen PAOK SalonikiEurosport

Krasnodar-Fenerbahce 1-0 (4’ Claesson)

Partono bene i russi che superano in casa il Fenerbahce grazie ad un gol in avvio di Claesson che in tuffo al 4’ supera Demirel. Nella ripresa entrano Fernandao e Tufan ma i turchi non riescono a rimontare. Il Krasnodar vince il primo round, con l’1-0 che sarà comunque un risultato ostico da ribaltare per la squadra di Advocaat.

Astra Giurgiu-Genk 2-2 (25’ Kumordzi; 43’ Budescu; 83’ Trossard; 90’ Seto)

Partita impegnativa per i belgi del Genk che non vanno oltre il 2-2 contro l’Astra nell’andata dei sedicesimi. Kumordzi regala il vantaggio dopo un’uscita non perfetta di Lung, ma i romeni pareggiano con il bel gol di Budescu che firma l’1-1 prima della fine del primo tempo. Nella ripresa il Genk fatica ad avvicinarsi all’area di rigore, ma arriva comunque il guizzo di Trossard a 7 minuti dalla fine. Sembra fatta, ma allo scoccare del 90’ c’è il pareggio di Seto per la squadra di Sumudica.

Ludogorets-FC Copenhagen 1-2 (2’ aut. Anicet, 53’ Toutouh; 81’ Keserü)

Pronti via e i danesi passano vantaggio grazie alla sfortunata autorete di Anicet che anticipa tutti sugli sviluppi di un calcio d’angolo. L’FC Copenhagen è nettamente la squadra più forte e nella ripresa gli ospiti siglano il 2-0 con Toutouh. Solo nel finale di gara si risvegliano i bulgari con la rete del romeno Keserü.

Olympiakos-Osmanlispor 0-0

Niente da fare per l’Olympiakos che non va oltre lo 0-0 contro i turchi dell’Osmanlispor. Poco lavoro per Leali, ma davanti Cardozo ha poche palle giocabili. I greci restano anche in 10, nel finale, per l’espulsione di Willemen Da Silva ma l’ex portiere della Juventus riesce a mantenere la porta inviolata.

Anderlecht-Zenit San Pietroburgo 2-0 (5' e 31' Acheampong)

Buon colpo dell’Anderlecht che vince 2-0 nell’andata contro il temibile Zenit. Acheampong uomo partita, è proprio il ghanese a realizzare i due gol per i belgi che passano in vantaggio già al 5’ con la rete del classe ’93 che legge benissimo lo spiovente di Stanciu. Poco dopo la mezz’ora c’è il raddoppio, con un gran sinistro di Acheampong che non lascia scampo Lodygin. Nella ripresa spingono i russi, con il neo entrato Danny ma la squadra di Lucescu non trova il gol che riaprirebbe la gara. Ora allo Zenit servirà una grande gara di ritorno per la rimonta.

Frank Acheampong, Anderlecht

Frank Acheampong, Anderlechttwitter

Athletic-APOEL Nicosia 3-2 (36' Efrem; 38' aut. Efrem; 61' Aduriz, 72' Iñaki Williams; 89' Gianniotas)

Vittoria per i baschi che però non mettono al sicuro la qualificazione visto il 3-2 acquisito contro l’APOEL, concedendo ben due reti alla squadra cipriota. Efrem sblocca la gara ma due minuti più tardi è sfortunatissimo a realizzare un autogol per l’1-1. Nella ripresa l’Athletic e si sveglia, il duo Aduriz-Iñaki Williams sembra mettere le cose sui binari giusti, fino alla rete di Gianniotas che riapre il discorso qualificazione.

Athletic Bilbao's forward Aritz Aduriz celebrates after scoring his team's fourth goal

Athletic Bilbao's forward Aritz Aduriz celebrates after scoring his team's fourth goalAFP

Hapoel Beer Sheva-Besiktas 1-3 (42' aut. William; 44' Barda; 60' Tosun, 90+3 Hutchinson)

Sembra finire l’avventura dell’Hapoel Beer Sheva che perde in casa il match d’andata contro il Besiktas. Apre un autogol di William che deposita in rete dopo il tentativo di conclusione di Tosun (su cross di Quaresma). Poco dopo, però, i turchi perdono un pallone pericolosissimo a centrocampo e in contropiede arriva il pareggio di Barda. Nella ripresa non c’è partita e il Besiktas vola sul 3-1 con le reti di Tosun e Hutchinson.

Legia Varsavia-Ajax 0-0

Solo 0-0 per l’Ajax nella trasferta polacca, con la squadra di Bosz che non convince e rimedia un risultato non proprio ottimale in vista del ritorno (servirà una vittoria per ottenere il passaggio del turno). Clamoroso errore di Dolberg nel primo tempo, altri errori nella ripresa anche se Malarz non viene impensierito più di tanto. Nel finale i lancieri restano anche in 10 per l’espulsione di Tete, che obbliga il tecnico olandese a togliere Kluivert appena entrato (che aveva debuttato in Europa League).

Borussia Mönchengladbach-Fiorentina 0-1 (44’ Bernardeschi)

Manchester United-Saint-Étienne 3-0 (15', 75' e 88' rig. Ibrahimović)

Villarreal-Roma 0-4 (32' Emerson Palmieri, 65', 79' e 86' Džeko)

Video - La storia dei fratelli Pogba, avversari per una notte

01:00
0
0