LaPresse

Da 0 a 10, il pagellone della 29esima giornata di Serie A

Da 0 a 10, il Pagellone della 29esima giornata di Serie A

Il 20/03/2017 alle 08:45Aggiornato Il 20/03/2017 alle 21:52

Dall'ennesimo record centrato da Gigi Buffon al quarto ko di fila di un Pescara di Zeman ormai virtualmente condannato alla retrocessione: tutto il meglio e il peggio della 29esima giornata di Serie A.

10...Al record di Buffon

Al minuto 65 di Sampdoria-Juventus Gianluigi Buffon è diventato il calciatore bianconero con più minuti di sempre (39'681) in Serie A. Il numero uno della Juventus è il simbolo di una Juventus schiacciasassi, capace di vincere anche quando incappa in un pomeriggio al di sotto dei suoi standard. Che problema c’è? Cuadrado risolve in zona gol, Gigi conserva il vantaggio. Profumo di sesto scudetto consecutivo.

Voto 9...A Insigne, l’oro di Napoli

È un Lorenzo Insigne in versione “Il Magnifico” quello che dalla tredicesima giornata di Serie A in poi fa le fortune del Napoli. Con la doppietta infilata all’Empoli fanno 12 gol nelle ultime 17 partite dopo la casella “zero” alle reti messe a segno nelle prime dodici partite: record di marcature in Serie A già eguagliato, e siamo solo a marzo. Ah, già, in mezzo c’è stata anche la prodezza del Bernabeu. Standing ovation.

Voto 8...A mister wolf Kalinic

É Nikola Kalinic l’uomo che risolve problemi in casa Fiorentina: il bomber croato per la seconda occasione consecutiva ha siglato a tempo scaduto il gol della vittoria per la banda Sousa; fanno già cinque gol nelle ultime sei partite, 18 in stagione (13 in campionato+5 in Europa League). È lui l’anima di una Fiorentina che prova disperatamente a rientrare nella lotta per un piazzamento utile per l’Europa League: anima e bandiera, soprattutto dopo aver detto “no” ai floridi lidi cinesi.

Voto 7...A uno Dzemaili dominante

Altro giro, altra giornata di gloria vissuta dal centrocampista tuttofare del Bologna Blerim Dzemaili. L’ex Napoli ha confezionato la doppietta che ha steso il Chievo al Dall’Ara stabilendo il primato personale di marcature in Serie A (8). I tifosi del Bologna avranno ancora poco tempo per godersi il principale artefice della salvezza felsinea: l’8 maggio con ogni probabilità il nazionale svizzero preparerà le valigie assieme alla sua dolce metà Erjona e al primogenito, destinazione Montreal.

Voto 6...A Mati (e al cinico Milan)

Toh, chi si rivede! Montella toglie dalla naftalina il pupillo Mati Fernandez e lui lo ripaga con lo splendido cucchiaio che risolve la delicata sfida contro il Genoa. Game, set and match a San Siro, perchè ormai il Milan ha abituato il suoi pubblico a vittorie di misura tutte cuore e determinazione. Questa volta il re per una notte è l’ex mezzala della Fiorentina, che da qui al finale di stagione potrebbe rivelarsi un jolly prezioso.

Video - Montella: "Non penso all’Inter, Mati mi doveva qualcosa"

00:01

Voto 5...Alla frenata della Lazio

Brusca frenata della Lazio che in un colpo si vede avvicinare da Atalanta e Milan in classifica e al contempo si allontana ulteriormente dalle prime tre delle classe. Eppure sulla carta l’impegno per i biancocelesti non era dei più proibitivi: Ciro Immobile e compagni hanno vissuto però un pomeriggio in chiaroscuro e la porta di Rafael è rimasta inviolata per la felicità di Rastelli.

Voto 4....Al portiere da incubo Hart

Joe Hart sempre più croce e delizia del Toro, soprattutto croce in occasione della sfida contro l’Inter. Il titolare della Nazionale inglese risulta sì decisivo sui tentativi di Icardi ed Eder, ma di fatto regala prima a Kondogbia e poi a Candreva le nitide occasioni di timbrare il cartellino allo stadio Olimpico. Calamity Hart.

Torino-Inter - Serie A 2017

Torino-Inter - Serie A 2017LaPresse

Voto 3...A un Sassuolo dalle stelle alle stalle

E dire che un anno fa di questi tempi prendeva forma il capolavoro europeo della banda neroverde... Dodici mesi dopo, il bottino è magro e le polveri sono bagnate perché il Sassuolo non vince da un mese, con un punto e un gol segnato nelle ultime 4 partite. Che stia per finire il ciclo Di Francesco?

Voto 2...Al nuovo Palermo B di Baccaglini

Se qualcuno credeva che da Zamparini a Baccaglini potesse cambiare qualcosa, ecco 7 gol incassati in una settimana e un baratro retrocessione scavato six feet under. E i tifosi del Palermo sono forse più preoccupati dell'effettiva capacità economica del nuovo proprietario che non di un anno di purgatorio in Serie B... Per non citare Diamanti da uomo immagine a profondo rosso.

Serie A 2016/17, Udinese-Palermo

Serie A 2016/17, Udinese-PalermoLaPresse

Voto 1...Al filotto (negativo) record dell’Empoli

Sei sconfitte consecutive. Una striscia negativa di questa portata non si vedeva ad Empoli (nel massimo campionato) dal 1986. Non è bastato il terzo rigore parato da Skorupski in questa Serie A, non è bastata nemmeno la reazione d’orgoglio nella ripresa – con gol numero 100 in maglia azzurra di Massimo Maccarone -, la banda Martusciello è capitolata ancora una volta.

Voto 0...A un Pescara che precipita

Dopo il fuoco fatuo dei 5 gol rifilati al Genoa alla “prima” di Zdenek Zeman è calata la notte in casa Pescara. Quattro sconfitte nelle successive quattro partite di campionato, undici gol subiti nel parziale. Non ci sono segnali di vita per il Delfino e ormai la retrocessione in Serie B è uno scenario sempre più inevitabile.

Video - Pioli: "Derby alle 12:30? Così lo vedranno tanti tifosi in più"

00:01
0
0