LaPresse

Fassone: "Donnarumma ha subìto la decisione di Raiola, mai dire mai"

Fassone: "Donnarumma ha subìto la decisione di Raiola, mai dire mai"
Di Eurosport

Il 19/06/2017 alle 12:21Aggiornato Il 19/06/2017 alle 12:29

L'amministratore delegato del Milan ha risposto alle parole del procuratore: "I canali di dialogo restano aperti, non contattiamo il giocatore perché è impegnato all'Europeo Under 21 e deve stare tranquilllo ma andiamo avanti. Le possibilità che rinnovi sono poche, ma non chiudiamo la porta".

Dopo le parole di Mino Raiola, tocca all’amministratore delegato del Milan Marco Fassone replicare ed esporre il proprio punto di vista sulla situazione quanto mai intricata del rinnovo contrattuale di Gianluigi Donnarumma. Uno scenario andato in fumo nella giornata di giovedì, ma con un minimo di speranza di ricongiungimento. Almeno stando a quanto dichiarato dall’ad rossonero a Sky.

" Ho avuto la sensazione che si sia trattata di una decisione di Raiola, un po’ subita da Donnarumma. Tutte le volte che ho parlato con lui, ho sempre visto l’attaccamento alla maglia e la voglia di restare. Si tratta di business, che Mino è bravissimo a fare. Ma nel mio cuore resta ancora il fatto che secondo me Gigio sperava in un finale diverso e chissà che la vita non ci regali delle sorprese. "
" I canali di dialogo restano aperti. Ho sentito Raiola prima della conferenza e mi ha anticipato i temi. Non sentiamo il ragazzo perché è in ritiro. Credo che le possibilità siano poche, ma mai dire mai fino all’ultimo. Gigio verrà in ritiro con noi e farà il pre-campionato. La deadline per il rinnovo era quella del 3 luglio perché non vogliamo avere dei giocatori distratti in ritiro, ma questo è un caso particolare. "
" Delle minacce di morte l’ho appreso da Raiola, io ero rimasto a delle critiche feroci e piccate dei tifosi verso Raiola e Donnarumma. Finché si rimane in questo ambito, si può capire la reazione di chi si è sentito tradito da un giocatore che è nato e cresciuto con questa maglia. Se ci sono state minacce di morte, mi dissocio e chiarisco che faremo il possibile per rassicurare Donnarumma."
2017, Gianluigi Donnarumma, Milan, Getty Images

2017, Gianluigi Donnarumma, Milan, Getty ImagesGetty Images

" Lavoro con Mirabelli da anni e nessun procuratore mi ha mai contestato il comportamento di Mirabelli. È un manager di alto livello, trasparente e che non scende a compromessi. Quello che fa lo fa nell’interesse del Milan. Questo tentativo di Raiola di creare un doppio Milan, a due velocità, mi sento di respingerlo. Andiamo avanti tutti compatti, lavoriamo tutti assieme e non è stata un’alzata di voce che ha fatto saltare una trattativa. Se c’è qualcosa di positivo nella vicenda Donnarumma è che ci ha compattato."

Video - Fassone comunica la decisione di Donnarumma: "Non rinnova"

01:57
0
0