LaPresse

La Juve usa la testa. Inzuccata di Cuadrado e Samp ko: Ferraris espugnato

La Juve usa la testa. Inzuccata di Cuadrado e Samp ko: Ferraris espugnato

Il 19/03/2017 alle 17:07Aggiornato Il 19/03/2017 alle 18:36

I bianconeri si impongono a Marassi grazie ad un bel colpo di testa di Cuadrado a inizio gara, conquistando tre punti fondamentali nell'economia del campionato. Nel primo tempo i bianconeri, belli e sciuponi, comandano il gioco ma perdono Dybala per un problema muscolare. Nella ripresa la manovra bianconera subisce una chiara involuzione, la Samp sale di tono e nel finale mette paura alla Juve.

La Juve espugna Marassi e incamera tre punti fondamentali per il prosieguo del campionato, rispondendo nel migliore dei modi alla vittoria del Napoli contro l’Empoli, nel match delle 12.30. Partita strana e interessante, quella di Genova. Nella prima frazione una Juve convincente e sciupona ha comandato il gioco ed è passata meritatamente in vantaggio al 7’, creando successivamente numerose occasioni e costringendo per larghi tratti la Sampdoria nella propria metacampo. L’infortunio muscolare di Dybala alla mezzora (si attendono a riguardo notizie più dettagliate) ha, però, impoverito la manovra bianconera e la formazione di Allegri è calata in modo evidente nella ripresa. La Sampdoria ha giocato un’ottima seconda frazione in termini di agonismo e abnegazione, creando però pochi grattacapi alla organizzata difesa juventina. La capolista della Serie A si è abbassata troppo, facendo infuriare il proprio tecnico, che non ammette cali di tensione. Vediamo nel dettaglio, cosa è accaduto al Luigi Ferraris.

LA CRONACA DELLA PARTITA

La gara del Ferraris inizia su ritmi elevati: le due squadre si affrontano a viso aperte e le occasioni non mancano. Al 3’ una conclusione centrale di Higuain scalda i guantoni a Puggioni e tre minuti più tardi un velenoso diagonale di Quagliarella fa correre un brivido lungo la schiena di Buffon, con il pallone che si perde di poco sul fondo. Subito dopo la gara si sblocca: Asamoah fa partire un preciso cross dalla fascia sinistra e Cuadrado è lesto ad anticipare tutti e a battere di testa un incolpevole Puggioni. La Samp, protagonista di un buon avvio, subisce il colpo e inizia a prestare il fianco all’ottimo palleggio bianconero. Gli uomini di Allegri dettano i ritmi del gioco e arrivano davvero vicini al raddoppio al minuto numero 15. Cuadrado prova a servire Higuain in mezzo all’area, i doriani rischiano l'autorete, Puggioni respinge ma Mandzukic, sulla ribattuta, centra in pieno Higuain. Cinque minuti dopo l’attaccante argentino, servito involontariamente in area da un maldestro tocco di Linetty, si gira in un fazzoletto ma trova una grande risposta del portiere blucerchiato. Al 28’ i bianconeri perdono Dybala per un problema muscolare (al suo posto Pjaca) e la squadra doriana sembra riprendere coraggio. Una conclusione da fuori di Bruno Fernandes e una rovesciata di Quagliarella (la specialità della casa), preoccupano i bianconeri. Prima del duplice fischio di Tagliavento, la Juventus va ancora vicina al secondo gol. Higuain, servito da Pjaca, si libera splendidamente al tiro ma l’estremo difensore della Samp si supera nuovamente. Si va così alla ripresa, con i bianconeri meritatamente avanti, di fronte ad una Samp comunque viva.

Sampdoria-Juventus, l'esultanza dopo il gol di Dani Alves, Paulo Dybala, Juan Cuadrado, Serie A 2016-17 (Lapresse)

Sampdoria-Juventus, l'esultanza dopo il gol di Dani Alves, Paulo Dybala, Juan Cuadrado, Serie A 2016-17 (Lapresse)LaPresse

I blucerchiati iniziano la ripresa con buona verve, la Juve si abbassa troppo e la sua manovra sembra risentire dell’assenza di Dybala. La squadra di Giampaolo è volenterosa e applicata ma la scarsa vena di Muriel non aiuta a creare pericoli evidenti alla porta di Buffon. Quagliarella, il migliore dei suoi, tiene comunque in apprensione la retroguardia dei Campioni D’Italia e all’84’, con un’altra rovesciata, esalta il Ferraris. La sfera finisce, però, alta. Allegri si agita e si infuria per il calo di concentrazione dei suoi ma al termine della gara può esultare, dopo aver tirato un sospiro di sollievo sul colpo di testa di Regini, che sorvola la porta di Buffon al minuto numero 95.

LA STATISTICA CHIAVE

39706: I minuti disputati da Buffon con la maglia della Juventus nella massima serie. Il portiere è diventato il bianconero con più minuti di sempre in Serie A, superando Boniperti. Numeri da leggenda.

IL MIGLIORE IN CAMPO

ASAMOAH: Grande prova dell’esterno bianconero, chiamato a sostituire Alex Sandro. Un assist al bacio, diagonali perfette e corsa al servizio della squadra. Leggero calo nel finale ma nel complesso partita davvero lodevole.

IL PEGGIORE IN CAMPO

MURIEL: Oggi è abulico e impreciso. Sbaglia sempre la giocata e non riesce a mettere realmente paura alla difesa bianconera. Nella ripresa il calo bianconero è evidente e avrebbe potuto, con le sue accelerazioni, guidare la reazione della Samp.

IL TWEET

IL TABELLINO

SAMPDORIA (4-3-1-2): Puggioni; Sala, Silvestre, Skriniar, Regini; Barreto, Torreira (63’ Praet), Linetty; Fernandes (53’ Schick- 75’ Djuricic-); Muriel, Quagliarella. All.:Giampaolo

JUVENTUS (4-2-3-1): Buffon; Dani Alves, Barzagli, Rugani, Asamoah; Khedira, Pjanic; Cuadrado (72’ Lemina), Dybala (28’ Pjaca), Mandzukic; Higuain (86’ Lichtsteiner). All.:Allegri

Arbitro: Paolo Tagliavento della sezione di Terni

Gol: 7’ Cuadrado (J)

Ammoniti: Regini (S), Dani Alves (J)

0
0