LaPresse

Spalletti: "Perotti a Udine non ci sarà"

Spalletti: "Perotti a Udine non ci sarà"

Il 14/01/2017 alle 13:29

Il tecnico della roma dà un'importante indicazione di formazione in vista della sfida con i bianconeri di Delneri

"Perotti non ci sarà. Poi, a parte Florenzi che aspettiamo a braccia aperte, sono tutti a disposizione". Così Luciano Spalletti, allenatore della Roma, nel corso della conferenza stampa alla vigilia della partita contro l'Udinese in campionato.

"Il mercato? I rapporti di forza con Juve e Napoli sono gli stessi, loro hanno a disposizione qualche calciatore in più di noi - prosegue Spalletti - Per me questa finestra di mercato poteva anche non esserci. Ho scelto io la squadra e credo sia già forte così. Se la società è disponibile a mettere tutto quello che ha a disposizione e anzi cerca le soluzioni per trovare la strada per sopperire a queste difficoltà io sto con loro. A me ora il mercato non interessa. Non ho bisogno di sostituire nessuno ma di far sapere ai miei ragazzi che mi fido di loro. La soluzione sono loro", ha ribadito Spalletti.

"Abbiamo fatto delle cose buonissime per lo spettacolo e i gol, lo dicono i numeri. A volte ricadiamo in quell'abbassare il rendimento, abbassare i momenti dove bisogna capire di fare legna e metterci forza intensità, contrasto". Così Luciano Spalletti, allenatore della Roma, nel corso della conferenza stampa alla vigilia della partita contro l'Udinese in campionato. "Con quello che abbiamo fatto vedere nell'ultimo periodo diamo forte considerazione a quegli atteggiamenti, la squadra ha assorbito e capito che ci sono momenti di sostanza e quello successivo dove faremo vedere la nostra qualità offensiva", ha aggiunto. "A Genova abbiamo vinto meritatamente, ci hanno creato difficoltà ma ci siamo costruiti quello che è stato il gol fatto, azioni e trame offensive potevano avere lo stesso risultato e nell'analisi generale credo sia corretto così. Siamo sulla strada giusta", ha detto ancora Spalletti.

Sulla trasferta di Udine, il tecnico della Roma che è un ex ha detto: "A Udine sarà più facile ma ha giocatori di forza, corsa, un allenatore esperto e bravo. A Udine è anche facile poter evidenziare una libera personalità per i calciatori ed è più difficile in ambienti come la Roma, l'Inter, il Milan e il Napoli dove devi accostare questo tuo essere calciatore e fare delle analisi obiettive sul tuo rendimento in base alla piazza che sono i risultati e le vittorie. Qui è diverso".

Video - Fantacalcio: i 5 giocatori su cui puntare

00:57
0
0