LaPresse

Edicola: Milan, Montella salva la panchina ma per il futuro si guarda sempre a Conte

Edicola: Milan, Montella salva la panchina ma per il futuro si guarda sempre a Conte

Il 06/11/2017 alle 08:20Aggiornato Il 06/11/2017 alle 08:34

Il successo col Sassuolo ha permesso a Montella di scongiurare l'esonero ed allontanare l'ombra di Gattuso. Per il futuro però il candidato più forte continua ad essere Antonio Conte, visionato ieri a Londra dal vicepresidente Han Li. Fra Sarri e De Laurentiis gelo sulla mancanza di alternative in rosa mentre Bilic è al capolinea al West Ham e sarà sostituito da Moyes.

Montella salva la panchina ma per il futuro si sogna Conte

Tutti i giornali aprono con la rinnovata fiducia del Milan a Vincenzo Montella, che con il successo in casa del Sassuolo si è guadagnato la fiducia per almeno altre due settimane. Per il futuro però più che a un traghettatore come Gattuso si guarda sempre in direzione Londra, ad Antonio Conte: ieri allo Stamford Bridge in tribuna c’era anche il vicepresidente rossonero Han Li… Per la prossima stagione il favorito resta il tecnico dei Blues.

  • La nostra opinione. Come spiega nella sua consueta analisi del lunedì anche il nostro Roberto Beccantini, il Milan farebbe bene ad essere chiaro e netto con i tifosi e gli addetti ai lavori riguardo al destino di Montella. I rossoneri contro il Sassuolo sono tornati alla vittoria, non hanno subito gol ma non hanno di certo mostrato progressi evidenti e clamorosi sul piano della fluidità del gioco e degli automatismi in campo. Se si crede in Montella si continui con lui fino a fine campionato, altrimenti si prende un’altra strada ora che c’è la sosta. Per il futuro è scontato guardare ad Antonio Conte, uno specialista quando si tratta di ripartire da situazione disastrate e il tecnico ideale per ritrasmettere quel DNA vincente, che ai rossoneri manca in questo momento. Il tecnico leccesse però, pur tra alti e bassi, per il momento è ancora al Chelsea e se si muoverà lo farà la prossima estate. Una scadenza troppo a lungo termine per fantasticare o ipotizzare chissà quali scenari.

Sarri e l’assenza di alternative per il Napoli: "ADL sa tutto"

Il Napoli non va oltre lo 0-0 al Bentegodi contro il Chievo ed inevitabile che l’attenzione di stampa e cronisti si soffermi sulla scarsa profondità della rosa della formazione di Maurizio Sarri. Il tecnico a precisa domanda, in conferenza stampa ha ammesso che De Laurentiis sa tutto riguardo ai pochi ricambi di valore… A gennaio si interverrà?

  • La nostra opinione. Ogni volta che il Napoli stecca una partita o offre prestazioni al di sotto del suo eccelso standard, il tormentone riguardo alla rosa corta e al poco turnover attuato da Sarri torna in auge. Il tecnico è convinto di avere non più di 15-16 elementi affidabili e lo si è capito a più riprese in questa stagione, De Laurentiis non è di questo avviso e gradirebbe in cuor suo che i vari Rog, Maksimovic e Ounas giocassero di più e facessero rifiatare un po’ i soliti titolari. Il conflitto di vedute resta e rimarrà a lungo, almeno fino al mercato di gennaio e probabilmente quando il Napoli deciderà se varrà la pena concentrarsi solo sullo scudetto lasciando perdere gli impegni in Europa, per provare a vincere davvero quello scudetto che manca da 27 anni.

West Ham, Bilic out in arrivo Moyes

La pesante sconfitta interna contro il Liverpool quasi certamente costerà la panchina a Slaven Bilic. Secondo i tabloid britannici già oggi il croato potrebbe essere esonerato: al suo posto pronto a subentrare David Moyes.

  • La nostra opinione: Nove punti in 11 match non sono un bilancio sufficiente per gli Hammers che in estate hanno investito non pochi quattrini sul mercato per rinforzare la rosa e invece si ritrovano al terzultimo posto della Premier League. L’ex ct della Croazia in passato è stato un valore aggiunto al West Ham ma quest’anno non sembra aver trovato il bandolo della matassa per ottenere i risultati sperati. Moyes ha esperienza ma è reduce da parentesi non proprio fortunate nell’ultimo triennio (è stato esonerato da United, Real Sociedad e Sunderland): chissà se saprà risollevarsi e rianimare la propria carriera risollevando il club londinese.

Video - Sarri: "Con il Chievo come contro l'Inter, abbiamo pagato fisicamente le partite con il City"

01:51
0
0