Getty Images

Montella: "Vittoria di rabbia e meritata, Kalinic ha fatto una prestazione esemplare"

Montella: "Vittoria di rabbia e meritata, Kalinic ha fatto una prestazione esemplare"

Il 17/09/2017 alle 19:37Aggiornato Il 17/09/2017 alle 19:42

Il Milan vola nel segno di kalinic e a San Siro rialza la testa in campionato contro l'Udinese. Finisce 2-1 per i ragazzi di Vincenzo Montella che si gode tre punti che fanno ripartire i rossoneri e dimenticare la pensate sconfitta maturata sette giorni fa contro la Lazio.

" Non è stata una vittoria sporca, ma sofferta e meritata. Quello che mi è piaciuto di più è la reazione dopo il pareggio dell’Udinese, mentre non mi è piaciuto il calo di concentrazione che ha portato al gol dei nostri avversari "

Il Milan vola nel segno di kalinic e a San Siro rialza la testa in campionato contro l'Udinese. Finisce 2-1 per i ragazzi di Vincenzo Montella, che fanno vedere un bel calcio, convincono il pubblico e si mettono alle spalle il poker subito contro la Lazio all'Olimpico, nonostante qualche patema nel finale di gara. Un successo che permette ai rossoneri di ripartire dopo la pesante scoppola rimediata all’Olimpico contro la Lazio.

"La squadra ha un grande potenziale ma lo capirò in futuro perché molti di questi ragazzi sono ancora dei diamanti semi grezzi. Dobbiamo solo lavorare e crescere di giorno in giorno. Il nuovo ruolo di Suso? Si abituerà presto a giocare lì: non era facile, lui ha voglia di toccare tanti palloni ma sono sicuro che farà grandi cose in quel ruolo, deve solo rimanere sereno. Rodriguez? È un giocatore di rendimento, di sostanza: difficilmente sbaglia un cross e si è abituato velocemente al nostro campionato, è un ottimo acquisto. Kessié? Ce lo aspettavamo così, assieme ad André Silva è il giocatore che è cresciuto di più in questo breve periodo. Non ho rimpianti per la partita di Roma, non la rigiocherei in un altro modo: voglio credere che sia stata salutare”

Kalinic: "Siamo pronti per arrivare fra le prime quattro"

“Sono molto felice per la doppietta, ma mi rende più felice la vittoria della squadra. Dobbiamo continuare così e concentrarci subito sulla prossima partita. Se vogliamo fare una grande stagione, dobbiamo vincere tutte le partite, non solo una. Questa è una squadra pronta per arrivare nelle prime quattro. Il mio modulo preferito? È uguale, a me basta giocare: due punte o una punta, ho solo bisogno che i palloni arrivino in area avversaria” chiosa il centravanti croato che ha fatto capire a tutti oggi, il motivo per cui Montella ha spinto tanto per averlo alle proprie dipendenze.

Video - Spalletti: "L'Inter non è ancora una grande squadra ma ha la testa per diventarlo"

00:49
0
0