LaPresse

Pisa, una retrocessione che sa di amaro

Pisa, una retrocessione che sa di amaro

Il 09/05/2017 alle 09:39

Dal nostro partner Agenti Anonimi

Il Pisa di Gattuso si deve arrendere al Cittadella ed esce sconfitto tra le mure amiche contro la squadra veneta, che si rilancia in piena zona playoff. Con questa sconfitta, la squadra toscana, saluta la SerieB dopo una sola stagione e, a partire dalla prossima, giocherà nuovamente in Lega Pro.

Nonostante tutte le vicissitudini societarie, dirigenziali, gli uomini di Gattuso non hanno mai mollato dimostrando grande attaccamento alla maglia e orgoglio che hanno fatto sperare gran parte dei tifosi, i quali sono stati regolarmente vicini alla squadra supportandola in ogni momento della stagione. I nerazzurri retrocedono in Lega Pro con un dato curioso che fa certamente riflettere: hanno subito solamente 33 reti. La difesa toscana è la meno battuta dell’intero campionato ma, nonostante ciò, non è riuscita a raggiungere la salvezza anche a causa dei 4 punti di penalizzazione che ha di fatto condannato la squadra di Gattuso verso l’incubo retrocessione.

Ora il Pisa ha un arduo compito: ripartire da dove è iniziata la rinascita per tornare tra le grandi nei prossimi anni e togliersi qualche sassolino dalla scarpa, con o senza Gattuso in panchina. Arrivederci Pisa, perché di arrivederci si tratta.

Michael Procopio (@Michael_Proc)

0
0