LaPresse

Verona e Frosinone vincono: Serie A più vicina, playoff più lontani

Verona e Frosinone vincono: Serie A più vicina, playoff più lontani
Di LaPresse

Il 06/05/2017 alle 16:56Aggiornato Il 06/05/2017 alle 17:51

Con le vittorie di oggi, il distacco tra i ciociari terzi e il quarto posto diventa di 10 punti: in coda, successo pesante della Ternana a Vicenza, mentre il Benevento ridotto in nove viene raggiunto ad Ascoli (1-1).

I risultati della 40esima giornata:

Ascoli-Benevento 1-1 (26’ Ceravolo, 93' aut. Eramo)

Il Benevento frena ad Ascoli. Al Dal Duca finisce in pareggio (1-1) e con un punto a testa la sfida valida per la 40/a giornata di Serie B. Gara subito in salita per i campani che si ritrovano in dieci dopo appena cinque minuti per l'espulsione di Lopez reo di intervento da ultimo uomo su Orsolini. Nonostante l'inferiorità numerica, la squadra di Baroni riesce e passare in vantaggio al 26' con Ceravolo che svetta di testa sul corner di Viola. Prima dell'intervallo, bianconeri sfortunati con il palo colpito da Mengoni di testa. Nella ripresa Cragno salva gli ospiti sul tentativo di Carpani, poi finale infuocato: i campani restano addirittura in nove per il rosso sventolato a Chisbah, e in pieno recupero l'Ascoli trova il pari grazie all'autorete di Eramo che devia nella propria porta un cross di Mignanelli. Finisce 1-1, con il Benevento che resta quinto e sale a 59 punti e i marchigiani che incassano un punto prezioso in chiave salvezza e raggiungono quota 46.

Avellino-Bari 1-1 (17’ rig. Salzano, 65’ rig. Verde)

Un rigore per tempo decide la sfida tra Avellino e Bari. Al 'Partenio' finisce 1-1 la sfida valida per la 40/a giornata di Serie B tra le squadre di Novellino e Colantuono ed è il risultato che rispecchia quanto visto in campo. Pugliesi avanti al 17' con Salzano, che trasforma il penalty concesso per atterramento di Maniero ad opera di Migliorini. Nella ripresa, il pareggio che concretizza gli sforzi degli irpini: dagli undici metri il neoentrato Verde non sbaglia il rigore concesso per un fallo di mano di Moras su un colpo di testa di Migliorini. Un punto a testa per le due squadre, ma il pari serve più ai padroni di casa. L'Avellino sale a 46 punti e a +2 dal quint'ultimo posto, terzo pareggio consecutivo per i pugliesi che raggiunge quota 53, a tre lunghezze dall'ottavo posto occupato dallo Spezia.

Brescia-Latina 1-1 (65’ aut. Untersee, 94' And. Caracciolo)

Il Brescia si salva al 94' e beffa il Latina che già pregustava la vittoria. Al Rigamonti termina 1-1 la sfida valida per la 40/a giornata di Serie B. Succede tutto nella ripresa. I pontini passano a sorpresa in vantaggio al 65' con un'autogol di Untersee, che di tacco batte sfortunatamente il suo portiere Minelli sulla punizione di Buonaiuto. La squadra di Cagni non si abbatte e va all'assalto: due minuti dopo, il palo ferma il colpo di testa di Bisoli. Al 94', il pari del solito Caracciolo che trafigge Pinsoglio con un gran sinistro con palla all'incrocio. Punto prezioso per le Rondinelle che salgono a 46 punti, a +2 dal quint'ultimo posto. Il Latina raggiunge quota 31 ma resta ultimo.

Carpi-Salernitana 2-0 (73’ rig. Bianco, 75’ Lasagna)

Il Carpi regola la Salernitana in due minuti e continua la sua rincorsa ai playoff. Gli emiliani si impongono 2-0 al 'Cabassi' sui campani nell'incontro valido per la 40/a giornata di Serie B. Dopo il palo colpito dal granata Coda nel primo tempo e la traversa centrata dal biancorosso Struna, il match si sblocca al 72' con Bianco che trasforma il rigore concesso per intervento di Tuia ai danni di Mbakogu. La squadra di Castori raddoppia e chiude i giochi due minuti più tardi: la firma è di Lasagna che in tuffo ribadisce in rete dopo la respinta corta di Gomis su Mbakogu. Per i campani di Bollini, piove sul bagnato con l'espulsione di Odjer per somma di ammonizioni. Il Carpi sale a quota 58 e in sesta posizione, svaniscono i sogni di aggancio alla zona playoff della Salernitana che resta a quota 61.

Cesena-Novara 0-1 (23’ Macheda)

Si ferma a sette la striscia di risultati utili consecutivi del Cesena che cade in casa contro il Novara (1-0)nell'incontro valido per la 40/a giornata di Serie B. Con questa vittoria, arriva dopo tre sconfitte di fila, i piemontesi mantengono viva una piccola speranza di entrare in zona playoff. Gli ospiti partono forte e costringono Agliardi al primo intervento di giornata al 18' con un colpo di testa di Calderoni sugli sviluppi della punizione battuta da Sansone. I romagnoli si fanno notare per un paio di tentativi non troppo precisi di Crimi, ma al 37' vanno sotto: Orlandi serve in area Macheda che non sbaglia e sigla l'1-0. Al 42' Montipò salva il Novara con una grande parata sul colpo di testa di Rodriguez. Nella ripresa l'estremo difensore dei piemontesi è ancora protagonista con una bella risposta al 5' sulla conclusione di Renzetti. Il Cesena insiste ma né Perticone né Panico riescono a far centro. Nel finale il Novara resta in dieci per l'espulsione per somma di ammonizioni di Bolzoni: i padroni di casa si gettano in attacco ma Montipò è insuperabile sui tentativi di Kone, Garritano e, in pieno recupero, di Rodriguez.

Frosinone-Trapani 1-0 (11’ Dionisi)

Il Frosinone batte 1-0 il Trapani nell'incontro valido per la 40/a giornata di Serie B e resta in scia del Verona, vittorioso a Chiavari contro l'Entella, portando al tempo stesso a dieci i punti di vantaggio sul Perugia quarto in classifica. Se il campionato finisse oggi, i playoff non verrebbero disputati. Sconfitta pesante invece per i siciliani, che restano in zona playout. Il gol decisivo arriva in avvio di partita e porta la firma di Dionisi, che all'11' sbuca sul secondo palo sull'assist di Ciofani e supera a porta sguarnita Pigliacelli. Il portiere salva i suoi cinque minuti dopo respingendo il tentativo di Fiamozzi. Al 22' sforbiciata di Ariaudo e palla fuori non di molto. La risposta degli ospiti arriva al 24' con un'opportunità per Maracchi: Bardi si fa trovare pronto mandando in corner. Nella ripresa il Frosinone avrebbe una ghiotta chance per chiudere la partita ma Pigliacelli tiene a galla i suoi parando il rigore a Ciofani concesso per un fallo dello stesso Pigliacelli su Dionisi. Il Trapani prende coraggio e sfiora il pareggio prima con Coronado poi con Casasola. Il Frosinone soffre fino al triplice fischio finale ma conquista tre punti fondamentali nella corsa verso la Serie A.

Vicenza-Ternana 0-1 (66’ Falletti)

Va alla Ternana lo scontro salvezza del 'Menti' con il Vicenza nella gara valida per la 40/a giornata di Serie B. Con questo successo infatti gli umbri salgono a 43 punti, in zona playout, scavalcando proprio i veneti, al secondo stop consecutivo e fermi a 41. Dopo un'iniziale fase di studio prima opportunità al 23' per Di Noia che calcia centralmente. Sono gli ospiti a farsi preferire nella prima frazione: al 37' ci prova anche Falletti che spara alto da posizione favorevole. Nella ripresa squillo al 9' dei biancorossi con Gucher, che dalla distanza non inquadra però lo specchio della porta. Dalla parte opposta risponde Pettinari con un tiro da fuori che sfiora il palo. Al 20' la Ternana passa. Falletti pesca il jolly da fuori area e batte Vigorito. Immediata la reazione del Vicenza, che sfiora il pari al 28' con un colpo di testa di Esposito su cui è decisivo l'intervento di Aresti, che salva il risultato e regala i tre punti alla squadra di Liverani.

Virtus Entella-Verona 1-2 (4’ Bessa, 10’ Pisano, 54’ rig. Caputo)

L'Hellas Verona passa al 'Comunale' di Chiavari battendo 2-1 la Virtus Entella e tiene così aperto il discorso promozione, portandosi a meno due dalla capolista Spal, impegnata domani con la Pro Vercelli, e mantenendo un punto di vantaggio sul Frosinone terzo. Dall'altra parte prosegue il momento no dei liguri, al quarto stop consecutivo. L'undici di Pecchia ipoteca la vittoria nei primi dieci minuti di partita. Al 4' Bessa sblocca subito il risultato con un tiro dal limite deviato - in maniera decisiva - dalla schiena di Ceccarelli. Al 10' gli ospiti raddoppiano: sugli sviluppi di un calcio d'angolo Pisano di testa da due passi firma il 2-0. I padroni di casa si fanno notare per la prima volta al 24' con una conclusione di Zaniolo, ma al 29' rischiano di incassare il tris da parte di Luppi. Nella ripresa al 9' Caputo riapre i giochi trasformando il rigore concesso per l'atterramento in area di Catellani. Il Verona però si difende con ordine e porta a casa tre punti preziosi, con l'Entella che chiude in dieci per l'espulsione nel recupero di Di Paola.

Domenica:

Spal-Pro Vercelli ore 17.30.

Lunedì:

Pisa-Cittadella ore 20.30.

La classifica:

Spal 74 punti; Verona 72; Frosinone 71; Perugia 61; Benevento (-1) e Carpi 58; Cittadella 57; Spezia 56; Novara e Bari 53; Entella e Salernitana 51; Cesena 49; Pro Vercelli 47; Ascoli, Brescia e Avellino (-3) 46; Trapani 44; Ternana 43; Vicenza 41; Pisa (-4) 34; Latina 31.

Spal, Cittadella, Pro Vercelli e Pisa con una partita in meno.

Video - Mandzukic, il cuore pulsante della nuova Juventus di Allegri

01:27
0
0