Getty Images

Liegi-Bastogne-Liegi: le speranze degli italiani. Pozzovivo e Gasparotto per il colpaccio

Liegi-Bastogne-Liegi: le speranze degli italiani. Pozzovivo e Gasparotto per il colpaccio

Il 21/04/2017 alle 11:00Aggiornato Il 21/04/2017 alle 13:00

Dal nostro partner OAsport.it

La Decana delle classiche. Domenica 23 aprile è tempo di Liegi-Bastogne-Liegi: 258 chilometri da Liegi ad Ans e tantissime cote per scoprire chi riuscirà a trionfare in terra belga. L’Italia, nonostante ci sia andata vicina qualche anno fa, non trionfa alla Doyenne dal lontano 2007. Dieci lunghissimi anni e anche in questa stagione i corridori azzurri non partiranno con i favori del pronostico. Quali saranno le migliori speranze del Bel Paese?

L’azzurro che ci è andato più volte vicino è Enrico Gasparotto, che ama moltissimo questa classica (seconda solo all’Amstel Gold Race, visti i risultati). L’azzurro del Team Bahrain Merida ha già centrato una terza ed una sesta piazza ad Ans. La preparazione è stata ottima in vista del Trittico delle Ardenne, ma una caduta nella sua Amstel sembrava aver compromesso tutto. Ora la condizione è in crescendo: riuscirà ad arrivare al top domenica? Con lui anche Giovanni Visconti che sembra aver preparato a puntino la Liegi.

In casa UAE Emirates Diego Ulissi, pur non attraversando un buon periodo dal punto di vista psicologico (un grave lutto lo scorso mese per il toscano), sembra essere in un buono stato di forma. Non è mai riuscito a dimostrare tutte le sue qualità su questi percorsi che possono davvero essere ideali alle sue caratteristiche.

Domenico Pozzovivo, AG2R La Mondiale, Tour de France 2016 (Getty Images)

Domenico Pozzovivo, AG2R La Mondiale, Tour de France 2016 (Getty Images)Getty Images

La vera punta di diamante dello schieramento tricolore potrebbe essere Domenico Pozzovivo. A 34 anni il lucano sembra aver preparato al meglio questa stagione, che molto probabilmente sarà una delle ultime al top nella sua carriera. Al Tour of the Alps si è fatto trovare sempre presente, ora lo aspettiamo nella classica più amata, già sfiorata qualche anno fa quando fu ripreso ai piedi di Ans.

Altro azzurro che partirà con i gradi di capitano sarà Fabio Felline, davvero costante in questo inizio di stagione. Il piemontese della Trek-Segafredo punta a disputare una Liegi da protagonista: se arrivasse tra i migliori sullo strappo di Ans potrebbe addirittura giocarsela per il successo.

Da seguire poi le performance dei gregari del Team Sky Gianni Moscon e Diego Rosa, che se dovessero trovare uno spiraglio potrebbero davvero ben comportarsi.

Video - Quattro consecutive, 5 in carriera: Valverde si prende ancora la Freccia Vallone

00:46

Gianluca Bruno

0
0