Getty Images

Chris Froome contro Tom Dumoulin: la grande sfida del ciclismo moderno inizia contro il tempo

Froome contro Dumoulin: la grande sfida del ciclismo moderno inizia contro il tempo

Il 21/09/2017 alle 13:46Aggiornato Il 21/09/2017 alle 13:51

Hanno dominato a distanza un anno di ciclismo e saranno i grandi sfidanti del prossimo Tour de France, intanto, ai Mondiali di Bergen, il vincitore del Giro s'aggiudica il primo "vero" round di un'imminente rivalità. Dalla Vuelta di due anni fa al Tour seguente, dalla crono olimpica a quella mondiale, in salita o contro il tempo: Tom Dumoulin si candida all'eredità moderna di Chris Froome.

Eurosport Player :

Guarda Eurosport

Veloce, resistente, moderno. Dai Paesi Bassi della "bici funzione", Tom Dumoulin vince il Giro d'Italia sotto le guglie del Duomo di Milano. Contro il tempo e contro tutti lassù, fra le vette sacre del Centenario, il suo è un bellissimo progetto nato sulle strade di casa quando, l'anno scorso, del Giro vinse il prologo di Apeldoorn. Dumoulin omaggia la bellezza e la storia della Corsa Rosa dominando la crono del Sagrantino e la tappa simbolo del Centenario: dal santuario laico di Castellania a quello sacro di Oropa, da Fausto Coppi a Marco Pantani.

The winner of the 100th Giro d'Italia, Tour of Italy cycling race, Netherlands' Tom Dumoulin of team Sunweb celebrates on the podium after the last stage, an individual time-trial between Monza and Milan, on May 28, 2017

The winner of the 100th Giro d'Italia, Tour of Italy cycling race, Netherlands' Tom Dumoulin of team Sunweb celebrates on the podium after the last stage, an individual time-trial between Monza and Milan, on May 28, 2017Getty Images

Tom Dumoulin, champion du monde du contre-la-montre 2017.

Tom Dumoulin, champion du monde du contre-la-montre 2017.Getty Images

Oggi che tutti i grandi giri si vincono contro il tempo, che il ciclismo traversa la sua età della ragione dal dato britannico al lume di chi strappa la terra al mare, Tom Dumoulin incarna il simbolo del progresso e la sintesi di uno sport sempre più votato alla scienza esatta. Di contro, c'è l'ultimo modello del campione Froome che è già una versione più "umana" e completa, in linea con una nuova e vincente normalità evolutiva.

Video - Froome: "Il Tour più duro di sempre, per 'colpa' delle prestazioni dei miei rivali"

02:42

Oggi Tom Dumoulin - glamour e gentile, veloce come il vento, incrollabile in salita - è pronto a sfidare Froome coi suoi stessi mezzi. Il britannico avrà una proprietà di squadra in difesa della maglia gialla; l'olandese, che ha cancellato le assenze dei suoi gregari vincendo un Giro di resistenza, ha già dalla sua l'età (26 anni contro i 32 di Froome) e il cronometro.

Il simbolismo della crono mondiale è infine certificato da Primoz Roglic sloveno trasformista. Ex-atleta nordico di salto con gli sci, ottimo cronoman e adesso anche grande scalatore: s'era svelato contro il tempo sulle colline del Chianti Classico e ha trionfato sul Galibier nel tappone alpino del Tour de France, come un anno prima Dumoulin sui Pirenei di Andorra. Le loro storie s'erano già intrecciate al Giro d'Italia quando, nel citato prologo Apeldoorn, l'olandese fu la prima maglia rosa battendo Roglic di un centesimo.

Oggi che le nuove regole della quantistica lenticolare fondano la tecnica di ogni corridore in un profilo scientifico, come un cronoman possa vincere un Giro o un Tour de France ci è stato tramandato da Miguel Indurain e Bradley Wiggins... E brindando al rosa Dumoulin o a Froome sulle strade del mito, pregustiamo una nuova splendida rivalità sportiva che avrà già il suo outsider: Primoz Roglic sul podio mondiale tra i signori del ciclismo.

Video - Tom Dumoulin è campione del mondo a cronometro: l'olandese dà 1' ai suoi avversari

01:41
0
0