Getty Images

Sagan: “Punto ai quattro titoli: a Innsbruck ci provo"

Sagan: “Punto ai quattro titoli: a Innsbruck ci provo"

Il 27/09/2017 alle 10:33

Dal nostro partner OAsport.it

Eurosport Player :

Guarda Eurosport

Peter Sagan si è laureato Campione del Mondo per la terza volta consecutiva, impresa mai riuscita nella storia del ciclismo. Lo slovacco ha firmato un’autentica impresa a Bergen e ora sono partiti tutti i festeggiamenti del caso, incominciando tra l’altro dal Tirolo. Il ciclista ha rilasciato un’intervista alla Gazzetta dello Sport.

Peter Sagan analizza le differenze tra i suoi tre trionfi iridati a Richmond, Doha, Bergen: “Differenti percorsi, differenti avversari, differenti ambienti e sempre la stessa maglia. Forse questa è stata la più difficile da conquistare“.

Lo slovacco spiega anche i motivi della dedica a Michele Scarponi:

" Eravamo amici, forse anche perché di carattere abbastanza simile. Non ho mai visto Michele triste, arrabbiato, abbattuto. L’ho sempre visto felice, positivo, solare. Scarpa era energia positiva e io mi sono trovato sempre bene con lui così. Abbiamo passato anche del tempo assieme lontano dalle corse. Mi ricordo di una bellissima cena a Livigno. Michele sapeva fare gruppo. Così anche in corsa, appena lo vedevo, ci andavo a parlare."

Video - Sagan: "Dedico la vittoria a Scarponi, auguri a tutta la sua famiglia"

02:40

Il Campione del Mondo spegne subito il sogno di successi a Liegi e Lombardia: “Peso quasi 80 chili. Non date retta a quelli che dicono 73-74, il mio peso forma varia dai 78 ai 79. Come faccio a vincere quelle corse?“.

Il Mondiale 2018 si correrà a Innsbruck con un profilo altimetrico davvero durissimo ma non ci sta ad abdicare:

" No, niente è impossibile. Domenica il dislivello è stato di 3600 metri, non siamo mica lontanissimi (ne saranno previsti 4800, ndr). Con una preparazione adeguata credo di poterci puntare, poi vediamo. Se trovo la condizione come quando alla Tirreno-Adriatico del 2012 sono arrivato con Nibali…"

Un Sagan senza bici?: “Ogni tanto mi fanno questa domanda ma non ho mai risposto. Non lo so, ho sempre fatto il corridore. Magari in futuro, tra 3-4-5 anni, cambio specialità e provo a vincere il mondiale marathon di mountain bike“.

Video - Sagan nella leggenda! Campione del mondo per la terza volta di fila

00:39
0
0