Getty Images

Traguardi "gialli": Marcel Kittel, un minuto di fotofinish; Serse Coppi, 6 mesi per l'ex-aequo

Traguardi "gialli": Kittel, un minuto di fotofinish; Coppi, 6 mesi per l'ex-aequo

Il 08/07/2017 alle 09:22Aggiornato Il 08/07/2017 alle 09:37

Lo sprinter tedesco ha dovuto attendere il verdetto del fotofinish prima di esultare all'arrivo della 7a tappa del Tour de France; Serse Coppi e André Mahé aspettarono sei mesi per vincere ex-aequo la Parigi-Roubaix del 1949... Eppure il francese aveva passato il traguardo del Velodromo molti minuti prima del fratello del Campionissimo!

Ieri, all’arrivo di Nuits-Saint-Georges, sono bastati alcuni minuti per decretare al fotofinish la vittoria di Marcel Kittel su Edvald Boasson Hagen: le bici sono sfrecciate sul traguardo a settanta all’ora, il distacco è stato di 6 millimetri in 0,0003 secondi, ovvero 3 decimillesimi di secondo. Il 18 aprile 1949, alla Parigi-Roubaix, il francese André Mahé e il fratello del Campionissimo, Serse Coppi, entrarono nel Velodrome a distanza di minuti, eppure ci vollero sei mesi per decidere il vincitore, anzi i vincitori dell’Enfer du Nord.

Accadde che, staccati i grandi favoriti di quell’edizione, l’Imperatore Rik Van Steenbergen e lo svizzero Ferdi Kubler, e caduti i compagni di fuga (Moujica e Mathieu) negli ultimi trenta chilometri, Mahé il belga Frans Leenen giunsero in testa a Roubaix. Stremati da una tremenda fatica di fango e pavé (la corsa era di 244 chilometri da Saint-Denis), disorientati dal pubblico e perfino (si dice) ingannati da un gendarme, Mahé e Leenen girarono intorno al Velodromo in cerca dell’ingresso e infine vi entrarono dalla parte sbagliata, sprintando a ritroso sulla pista. Mahé batte Leenen, poi Serse Coppi, lanciato “all’americana” dal fratello Fausto, regola la volata per il terzo posto.

La Bianchi, al corrente del caso Mahé che non aveva seguito il percorso ufficiale, reclama mentre premiano il francese e il giudice Henri Boudard dichiara vincitore Serse, ma la giuria si dissocia e cinque giorni dopo “conferma” il primo posto di Mahé. Ad agosto, esaminato il ricorso della Federazione Italiana, l’Uci ritiene quella Roubaix annullata: le Federazioni italiana e francese s’appellano e a novembre arriva l’ultima sentenza: hanno vinto tutti e due, Serse Coppi e André Mahé sono nel palmares della 47a Parigi-Roubaix. Primo e unico caso di ex-aequo sui traguardi del ciclismo.

Video - Marcel Kittel al millimetro su Boasson-Hagen: volata pazzesca nella 7^ tappa del Tour

01:27
0
0