Eurosport

L’Irlanda fa suo lo CSIO 3* di Drammen

L’Irlanda fa suo lo CSIO 3* di Drammen

Il 18/05/2017 alle 17:42

La formazione di Michael Blake fa sua la tappa norvegese della FEI Nations Cup Europe Division 2. Italia solamente nona , ma applausi per Marta Bottanelli e Samuele Maestri che sfiorano il podio nel difficile Gran Premio della domenica.

Non sarà certo uno CSIO che ricorderemo a lungo quello di Drammen, in Norvegia, dove la nostra compagine azzurra la scorsa settimana non ha certo brillato nella competizione a squadre; poche, in ogni modo, le prestazioni di spicco, vedi la tappa di FEI Nations Cup valida per la Europe Divsion 2 caratterizzata da tantissimi errori.

Ma l’importante, si sa, è raggiungere il risultato quindi poco male per l’Irlanda di Michael Blake che nonostante i 20 punti di penalità totali ottenuti ha calcato il gradino più alto del podio con Alexander Butler (Hallowbetty Cruz, rit/9), Mark Mcauley (Utchan de Belheme, 5/1), Cameron Hanley (Quirex, 1/5) e il capitano Geoff Curran (Ringwood Glen, 4/4). Nessun punto però è stato attribuito alla formazione in casacca verde, essendo iscritta alla Europe Division 1. 90 punti preziosi, invece, arrivano per il Belgio grazie ad un ottimo secondo posto che fa balzare la nazionale guidata da Peter Winberg in testa alla classifica: merito del quartetto formato da Olivier Philippaerts (H&M Legend of Love), Niels Bruynseels (Gancia de Muze), Pieter Devos (Dream of India Greenfield) e Gregory Wathelet (Coree) che ha terminato le due manches con 21 penalità totali.

Nonostante l’impegno prestigioso di La Baule, la Francia ha schierato una seconda squadra che ha ben figurato anche a Drammen conquistando la terza posizione con Levy Edward (Urhelia Lutterbach), Romain Potin (Impressario Vd Heffinck), Benoit Cernin (Uitlanders du Ter) e Alexis Deroubaix (Timon d’Aure), sotto la guida dello chef d’Equipe Pomel Thierry. Italia solamente nona dopo aver disputato unicamente la prima manche.

Nel Gran Premio di domenica invece è arrivato il trionfo per la Turchia di Derin Demirsoy, cavaliere che in sella allo stallone baio di 13 anni Harry K (Equest Carnute x Robin Z II) ha fatto sua la gara regina dello CSIO 3* fermando il cronometro nel jump off in 39.24 secondi senza commettere penalità. Dopo di lui solamente il norvegese Martine Myhrer Dyngeland ha chiuso con un percorso netto (su 52 partenti) che gli è valso il secondo posto con Douglas Hill grazie ad una prestazione terminata in 39.44 secondi. Anche il terzo gradino del podio è andato ai padroni di casa, merito di Geir Gulliksen e Seringat, binomio che ha fermato il cronometro in 79.79 commettendo una penalità sul tempo in prima manche.

Rammarico per i due portacolori italiani, Marta Bottanelli e Samuele Maestri, che hanno comunque ottenuto un ottimo quarto e quinto posto su Clintissima (2 in 83.51) e Colada 6 (4 in 73.00), risultati che fanno comunque bene al morale considerando anche la difficoltà del percorso. Il prossimo appuntamento con la FEI Nations Cup Europe Division 2 è fissato per giovedì 25 aprile a Lisbona, in Portogallo.

0
0