Ferrari S.p.A.

Antonio Giovinazzi gira a Fiorano: un italiano torna sulla Ferrari

Antonio Giovinazzi gira a Fiorano: un italiano torna sulla Ferrari

Il 03/02/2017 alle 09:30

Il 23enne pilota pugliese si è seduto per la prima volta al volante di una Ferrari per una sessione di test in pista a Fiorano: ha corso su una SF15-T del 2015 ricevendo l’investitura ufficiale di terza guida per la scuderia di Maranello in questa stagione.

Gli ultimi piloti italiani a guidare una Ferrari in pista sono stati Luca Badoer e Giancarlo Fisichella nell’ormai lontano 2009, un’emergenza dettata dall’incidente sofferta da Felipe Massa sull’asfalto dell’Hungaroring: furono entrambe soluzioni “tappabuchi”, con l’ex-collaudatore messo da parte dopo due gare nell’anonimato totale (17° e 14°) in favore dell’ex-Force India, reclutato dopo quella fantastica gara in Belgio in cui chiuse al secondo posto tenendosi alle spalle Sebastian Vettel, da “scudiero” per il successo di Kimi Raikkonen, l’unico della stagione.

Antonio Giovinazzi, classe 1993, reduce dal secondo posto in GP2, spera di poter rivivere le stesse sensazioni nel futuro prossimo del Cavallino Rampante: il giovane pilota di Martina Franca ha girato per la prima volta sul circuito di Fiorano in una sessione mista tra volante e simulatore, vestendo la tuta della Ferrari e ricevendo ufficialmente l’investitura di terza guida per la stagione 2017, alle spalle di Vettel e Raikkonen.

Giovinazzi è il cavallo di punta della strategia della scuderia di Maranello da sguinzagliare potenzialmente anche nel 2018: “è il nostro Verstappen”, dice di lui Sergio Marchionne, suo primo tifoso e pronto a lanciare (e vincere) la scommessa. L’ad della Ferrari lo vorrebbe già titolare nella prossima stagione, magari al posto di Raikkonen, in scadenza di contratto: certo, prima avrebbe preferito un anno di “scuola” sul campo, facendogli già assaggiare l’asfalto in gara con la Sauber, ma la scuderia svizzera aveva già trovato un accordo con la Mercedes per far proseguire il percorso di crescita di Pascal Wehrlein dopo il debutto sulla Manor.

“È stata una bellissima emozione – ha dichiarato Giovinazzi al termine della prima sessione di test a Fiorano, che saranno ripetuti anche oggi -, perché per me era la prima volta con una monoposto di F1. Uscire da un box con una Ferrari, per un italiano, è un’esperienza fantastica. Le prove sono state molto interessanti e le procedure da seguire davvero tante, però i ragazzi del team sono stati molto gentili ed estremamente disponibili, e questo ga reso le cose molto più facili”.

Video - I 5 momenti indimenticabili del 2016 della F1

00:57
0
0