AFP

Gene Haas: “La partnership con la Ferrari è stata una seconda scelta"

Gene Haas: “La partnership con la Ferrari è stata una seconda scelta"

Il 12/02/2017 alle 18:53Aggiornato Il 12/02/2017 alle 23:18

Il proprietario della scuderia statunitense ha spiegato come l’idea iniziale era quella di fondare un team costruttore in maniera tradizionale, ma l’impegno esorbitante avrebbe poi portato a un cambiamento di rotto e a una partnership con Maranello.

Parlando a Crash.net, Gene Haas, proprietario della scuderia statunitense che ha debuttato nel circus l’anno scorso, ha spiegato come la partnership con la Ferrari non fosse inizialmente prevista nella creazione del nuovo team: l’idea è sorta soltanto in un secondo momento, quando la completa produzione interna è sembrata troppo difficile da completare nei tempi previsti.

“Quando abbiamo deciso di entrare in F1 – ha dichiarato Haas -, la nostra idea era di fare tutto da soli. Volevamo essere un costruttore tradizionale, producendo telaio, sospensioni e componenti aerodinamiche”.

“Questo tipo di impresa, però, è finito con l’essere un progetto enormemente impegnativo – ha proseguito -. Così, abbiamo deciso di correggere un po’ il tiro, e abbiamo cercato soluzioni diverse e possibili partner con cui collaborare. Completare la macchina in 8-9 mesi sarebbe stata un’impresa monumentale e il rischio di non farcela era altissimo. Alla fine, abbiamo scelto di cambiare strategia e di instaurare una partnership con la Ferrari”.

Video - Tutti i numeri della stagione 2016: Verstappen re dei sorpassi

00:59
0
0