Getty Images

Che gara di Vettel! La Ferrari trionfa davanti a Hamilton e Bottas

Che gara di Vettel! La Ferrari trionfa davanti a Hamilton e Bottas
Di Eurosport

Il 16/04/2017 alle 18:41Aggiornato Il 16/04/2017 alle 19:32

Dopo una qualifica non al massimo, grazie ad una strategia perfetta Sebastian Vettel vince il Gran Premio del Bahrain e si riporta in testa al modiale. Gara super del tedesco, che vince davanti a Lewis Hamilton e Valtteri Bottas. Ferrari assolutamente perfetta, Mercedes battuta sia in velocità che in strategia. Quarto Raikkonen davanti a Ricciardo, a muro Verstappen.

Il buio di Sakhir è squarciato da un lampo di colore rosso. E' la Ferrari di Vettel ad illuminare il cielo del Bahrain: grazie ad una prestazione sontuosa il tedesco vince davanti a Hamilton e Bottas.

Ieri una qualifica deludente, oggi Seb si riprende con gli interessi. Una gara perfetta, con la Ferrari che batte in tutto e per tutto la Mercedes, sia di velocità che di strategia. Dopo una buona partenza, Vettel anticipa la sosta, passando davanti a Bottas e rimanendo in testa sino alla fine, resistendo al recupero finale di Hamilton. Quarto chiude un Raikkonen ricco di troppi alti e bassi, quinto Ricciardo davanti a Massa.

E così la Ferrari torna dal Bahrain da prima della classe. La macchina c'è, il pilota anche. Il duello con la Mercedes è fantastico, ma al momento, incredibilmente, la SF17-h è più forte.

Il tabellino

POSIZIONE PILOTA SCUDERIA DISTACCO
1 Sebastian Vettel Ferrari -
2 Lewis Hamilton Mercede +6.660
3 Valtteri Bottas Mercedes +20.397
4 Kimi Raikkonen Ferrari +22.475
5 Daniel Ricciardo Red Bull +39.346
6 Felipe Massa Williams +54.326
7 Sergio Perez Force India +62.606
8 Romain Grosjean Haas +74.865
9 Nico Hulkenberg Renault +80.188
10 Esteban Ocon Force India +95.711

I 5 momenti della gara

- Pronti via e Vettel sopravanza Hamilton e si porta secondio dietro Bottas. Quarto Verstappen, poi Ricciardo, Massa e Raikkonen. Kimi perde tantissimo terreno dietro al Brasiliano, passandolo solo al giro numero 8.

- Bottas rallenta il gruppo, facendo da tappo e tenendo i primi 5 in fila indiana. E così la Ferrari prova l'azzardo: Seb anticipa la sosta e cambia gomme all'undicesima tornata, rimanendo sulle supersoft. Poco dopo entra anche Verstappen ma nel giro di uscita finisce a muro per un problema ai freni.

- Alla 13mo giro si scontrano alla prima curva Stroll e Sainz. Safety car in pista e tutti rientrano ai box. Bottas e Raikkonen mettono le supersoft, Hamilton, Ricciardo e Massa le soft. Seb ne approfitta ed esce in testa davanti a a Bottas, poi Ricciardo, Hamilton, Massa e Kimi. Nell'ingresso in pit lane l'inglese rallenta troppo Ricciardo. Manovra non consentita e la Direzione Gara gli rifila una penalità di 5 secondi.

- Alla ripartenza Ricciardo rallenta e si fa passare da Hamilton, Massa e Raikkonen. Poco dopo Lewis supera Bottas dopo un ordine di scuderia. Vettel invece vola e semina gil altri.

- Al 31mo giro arriva il momento della sosta per Bottas, tre tornate dopo tocca a Seb. Hamilton rimane in testa e prova ad arrivare sino in fondo. La strategia non paga e Lewis è costretto al cambio gomme al giro 42 e a scontare la penalità. Ultime tornate di fuoco, con il campione del mondo che vola e passa Bottas, ma non recupera su Seb che trionfa per la seconda volta in stagione.

Il tweet da non perdere

La statistica chiave

Terza gara stagionale e seconda vittoria per Seb. Podio identico a quello dell'Australia. 44ma vittoria in carriera per Vettel, lo stesso numero della vettura di Hamilton.

Il migliore

Sebastian VETTEL: Il suo umore ieri non faceva presupporre nulla di buono. Oggi invece si trasforma: parte benissimo, super nel tenere il passo di Bottas e ad anticipare la sosta. Successivamente si tiene su ottimi tempi con qualsiasi gomma. Infine resiste senza troppi patemi al recupero di Hamilton. Se la macchina lo assiste è sempre un solidissimo campione.

Il peggiore

Mclaren Honda: Vandoorne non parte, Alonso si deve ritirare al penultimo giro. Milioni di problemi alla power unit in questo weekend. Un marchio leggendario come quello inglese non merita tutto ciò.

Video - McLaren-Honda, un grande ritorno finora fallimentare

01:06
0
0