LaPresse

Hamilton ha le carte in regola per dominare ma il divario Mercedes-Ferrari è assai ridotto

Hamilton ha le carte in regola per dominare ma il divario Mercedes-Ferrari è ridotto

Il 15/07/2017 alle 22:09

Dal nostro partner OAsport.it

Questa volta Lewis Hamilton non voleva fare prigionieri. La pole (numero 67 in carriera, a meno uno da Michael Schumacher) che ha piazzato a Silverstone è qualcosa di impressionante con un 1:26.600 che ha sbriciolato ogni record e ogni resistenza degli avversari. Alle sue spalle Kimi Raikkonen e Sebastian Vettel con Valtteri Bottas solo quarto che, per colpa della penalità, scatterà dunque nono. Solo una Red Bull in Q3 per i problemi di Daniel Ricciardo in Q1, con Nico Hulkenberg sesto ed autore di tre sessioni di qualifiche (e prove libere) veramente incoraggianti.

Mercedes: Hamilton parte per dominare, Bottas rimonta ardua

La tanto attesa pole position è arrivata ma il divario tra i due piloti non era del tutto atteso. Lewis Hamilton ha distanziato parecchio Valtteri Bottas che domani (con gomma Soft) dovrà rimontare dalla nona posizione, e ha fatto capire che nel suo GP di casa non ha altri obiettivi che vincere e dominare. La vettura, dopotutto, glielo permette, dato che la W08 si sposa in maniera perfetta con questo tracciato e, senza penalizzazioni, rischiavano la doppietta.

Le Ferrari più vicine di quanto si potesse immaginare

Rispetto alle previsioni ci sono due sorprese. La prima è che le “Rosse” sono molto più vicine alle Mercedes rispetto a quanto ci si poteva immaginare. La seconda è che sarà Kimi Raikkonen a partire in prima fila, con Sebastian Vettel che chiude terzo e non potrà scattare al fianco del suo rivale. Tutto sommato sabato positivo per la scuderia di Maranello che potrà puntare entrambe le vetture sul podio e cercare il colpaccio contro il favorito d’obbligo Lewis Hamilton.

La Red Bull saprà reagire a un sabato da incubo?

Ancora una volta la RB13 fa crack. Dopo tanta sfortuna occorsa a Max Verstappen, stavolta è toccato a Daniel Ricciardo che, quando era al comando nel Q1, vede spegnersi la sua macchina, salutando la compagnia. L’olandese, dal canto suo, fa il minimo sindacale, chiudendo dopo i migliori quattro ma a debita distanza.

Le altre: Renault si gode la miglior qualifica del 2017, Williams gambero

Al momento il miglior fine settimana di questo campionato per la Renault, e per distacco. Nico Hulkenberg dopo una serie di ottime prove libere, si supera e chiude in terza fila in qualifica, cogliendo il miglior risultato stagionale. Anche Jolyon Palmer, sul malgrado, non fa malaccio e non centra la Q3 per appena 88 millesimi. Punti importanti in arrivo domani? Un sabato ben differente rispetto al Red Bull Ring invece per la Force India. Sergio Perez e Esteban Ocon, come spesso accade, si classificano in coppia (settimo e ottavo) e sembrano maggiormente a loro agio rispetto all’Austria. In casa McLaren fa notizia il nono posto di Stoffel Vanddorne. Il belga arriva per la seconda volta nella Q3 e, per la prima occasione, sta davanti a Fernando Alonso. Lo spagnolo, mago del tempismo nel Q1, era stato il più veloce nella prima parte di qualifica, ma poi ha ceduto nella Q2. Domani le speranze di punti sono tutte su Vandoorne, dato che Alonso partirà ultimo per la sostituzione del motore.

Romain Grosjean, con la Haas, chiude decimo ma si infuria con Hamilton che, a suo dire, gli è costato 3-4 decimi perchè l’ha rallentato. Il francese, tuttavia, garantisce punti in ottica gara, con Kevin Magnussen che, ancora una volta, delude e chiude già in Q1 in diciassettesima posizione. Difficile fare di più per la coppia di Toro Rosso formata da Carlos Sainz (dodicesimo) e Daniil Kvyat (quattordicesimo). Arrivare a punti in gara non sarà affatto facile. Il gambero di giornata invece se lo porta a casa la Williams. Le vetture che corrono in casa rispetto a ieri non solo non migliorano, ma fanno molto peggio. Felipe Massa è quindicesimo, mentre Lance Stroll è un gradino indietro ma già eliminato in Q1. Le basse temperature, evidentemente, non hanno dato una mano. Senza speranze come purtroppo di consueto le Sauber regalate in penultima fila, solo per le penalizzazioni di Ricciardo e Alonso.

alessandro.passanti@oasport.it

Video - Ronaldo, Curry, Hamilton: i 10 sportivi più pagati al mondo nel 2017

00:49

0
0