Prove libere 3: Max Verstappen chiude davanti a tutti, ma Ferrari e Mercedes si nascondono

Prove libere 3: Max Verstappen chiude davanti a tutti, ma Ferrari e Mercedes si nascondono

Il 15/04/2017 alle 15:44

Dal nostro partner OAsport.it

L’ultima ora di prove libere a Sakhir mette in mostra maggiore equilibrio rispetto alla giornata di ieri, ma anche la sensazione che Ferrari e Mercedes non abbiano certo voluto forzare. Anche per questo la Red Bull chiude davanti a tutti, e la Williams rimane in scia.

La FP3 del GP del Bahrain scatta con temperature più affrontabili (34° l’aria e 39° l’asfalto) rispetto alla FP1 di ieri che era iniziata sui 40°. Il fatto che questa ultima ora prima delle qualifiche si disputi in pieno giorno rende questa sessione poco indicativa, dato che si farà sul serio solo in notturna, sia oggi, sia domani per la gara.

Proprio per questo motivo l’inizio della FP3 vede poche vetture in pista, con pochi tempi cronometrati (quasi tutti della coppia Force India Sergio Perez e Esteban Ocon) e diverse prove di partenza nella pit lane. I top ten rimangono tutti ai box e, infatti, nella prima mezzora di sessione il miglior tempo lo fissa Daniil Kvyat (Toro Rosso) con le Soft un 1:33.934, davanti al compagno di scuderia Carlos Sainz staccato di pochi decimi (ma con le SuperSoft). Alle loro spalle Stoffel Vandoorne (McLaren) poi le Force India, Fernando Alonso (McLaren) Lance Stroll (Williams) e Nico Hulkenberg (Renault).

Il primo pilota di testa a scendere in pista è Valtteri Bottas che commette, però, qualche errore di troppo, mentre al comando si issa Felipe Massa (Willliams) che con le SuperSoft stacca Kvyat di un paio di decimi. È di Max Verstappen a 24 minuti dalla fine il primo tempo di rilievo (con Soft) in 1:33.249, con Massa che migliora e si mette a 189 millesimi dall’olandese.

Mentre stavano uscendo le due Ferrari e Lewis Hamilton, a 20 minuti esatti dal termine, arriva il botto di Romain Grosjean (Haas) che perde il controllo della sua vettura in uscita da curva 4 andandosi a stampare sulle barriere di protezione. Bandiera rossa (che rimane solamente tre minuti) inevitabile e stop per tutti.

Al nuovo semaforo verde subito Ferrari in pista con le gomme marchiate di rosso e anche le Mercedes pronte a dare battaglia. I piloti dimostrano grande difficoltà nel gestire la macchina quando spingono al massimo, con errori in entrata, o uscita, di curva non certo rari.

A 10 minuti dal termine comanda Sebastian Vettel (Ferrari) in 1:32.750, con Valtteri Bottas, Kimi Raikkonen (Ferrari) e Felipe Massa a pochissimi millesimi, mentre Lewis Hamilton prosegue con un andatura anonima senza forzare.

Negli ultimi istanti tutti provano il tempo, ed è la Red Bull a farla da padrone, prima nel finale con Max Verstappen 1:32.194, mentre Hamilton si ferma a 110 millesimi, quindi troviamo Vettel a mezzo secondo assieme a Bottas, quindi Raikkonen e Massa tutti a distanza veramente ravvicinata.

A questo punto si attende il calar della notte e le qualifiche che scatteranno alle 17.00 ora italiana. Si attende grande equilibrio.

I tempi

1 VERSTAPPEN RED BULL 1:32.194
2 HAMILTON MERCEDES +0.110
3 VETTEL FERRARI +0.556
4 BOTTAS MERCEDES +0.560
5 RAIKKONEN FERRARI +0.591
6 MASSA WILLIAMS +0.607
7 RICCIARDO RED BULL +0.615
8 HULKENBERG RENAULT +0.739
9 SAINZ TORO ROSSO +1.410
10 KVYAT TORO ROSSO +1.550

Alessandro.passanti@oasport.it

0
0