Getty Images

Tante novità e modifiche al regolamento del 2018 e cambia l’assegnazione delle penalità…

Tante novità e modifiche al regolamento del 2018 e cambia l’assegnazione delle penalità…

Il 07/12/2017 alle 12:52

Dal nostro partner OAsport.it

Le penalizzazioni per la sostituzione dei componenti nel corso delle prove libere e delle qualifiche alimentano da sempre grande confusione nel Circus della F1. Il numero variabile di posizioni perse in griglia relativamente a ciò è un qualcosa che piace poco ai piloti, ai team e meno che mai ai tifosi.

Il disagio evidente però non ha portato la FIA a riconsiderare l’idea dell’attuale “parco chiuso” quanto semmai andare a modificare il sistema di penalizzazione in casi particolari. Nel 2018, infatti, le regole imporranno alle squadre di dover impiegare le power unit per ben 7 GP, conseguentemente avere a disposizione 3 unità nell’annata. Il Consiglio Mondiale della Federazione, riunitosi ieri, ha stabilito che ogni pilota, gravato da 15 posizioni di penalità in su, dovrà partire dal fondo dello schieramento. Il comunicato sottolinea anche che: “Se più di un pilota riceverà una penalità della stessa entità, la griglia sarà stilata in base all’ordine delle penalità“.

Questa è la soluzione proposta per avere maggior chiarezza anche se i dubbi restano relativamente ad una categoria che, forse, si perde in troppi sofismi regolamentari. La FIA ha anche annunciato altri mutamenti a partire dalla prossima annata:

Altre modifiche al regolamento

  • Regolamento relativo alle procedure di ripartenza dopo la safety car.
  • Modifica del programma degli eventi per aumentare la flessibilità.
  • Garantire che i test con vetture precedenti possano avvenire solo su piste che dispongono di una licenza FIA di Grado 1.
  • L’organizzazione di eventi dimostrativi con vetture precedenti non costituisce un test. Ma nessuna di queste può superare i 50 km di lunghezza e possono essere utilizzati solamente pneumatici realizzati appositamente per questo tipo di eventi.
  • Nuove modifiche per fare in modo che l’olio possa essere utilizzato come carburante (ricordando la polemica Ferrari-Mercedes di quest’anno)
  • Introduzione di una nuova specifica circa gli oli.
  • Un peso ed un volume minimo per le batterie.
  • Modifica della posizione delle telecamere e degli specchietti per favorire l’introduzione dell’Halo che sarà la vera novità del Mondiale 2018

giandomenico.tiseo@oasport.it

Video - Ha fatto la storia della F1 e ora è tornata: i grandi successi dell'Alfa Romeo

01:09
0
0