Eurosport

Longines Prix de Diane 2017, vince Senga

Longines Prix de Diane 2017, vince Senga

Il 18/06/2017 alle 23:23Aggiornato Il 18/06/2017 alle 23:24

La prestigiosa gara francese riservata alle femmine è stata vinta da Senga, cavalcata dal fantino francese Stephane Pasquier.

Conosciuta anche come la gara delle Oaks francesi, il Longines Prix de Diane, che si corre all’ippodromo di Chantilly, è senza dubbio uno degli eventi ippici più importanti d’Europa.

Non è solo una gara tra le migliori cavalle del paese, con l’aggiunta di qualche straniera, ma è anche un appuntamento di altissimo livello e prestigio, che attira spettatori da tutto il vecchio continente, anche grazie al fascino e al glamour che circonda questo tipo di eventi ippici.

Oltre a conquistare la più prestigiosa gara francese riservata alle cavalle, vincere il Prix de Diane significa anche accedere di diritto ad un’altra importantissima gara: il Prix de l’Arc de Triomphe. Fino ad oggi sono sei le cavalle che hanno vinto il Prix de Diane per poi andare a conquistare anche il Prix de l’Arc de Triomphe: Pearl Cap nel 1931, Nikellora nel 1945, La Sorellina nel 1953, Allez France nel 1973, Zarkava nel 2008 e Treve nel 2013. Treve è poi entrata nella storia del Prix de l’Arc de Triomphe vincendolo anche nel 2014.

L’edizione 2017 del Longines Prix de Diane ha visto la vittoria di Senga, cavalla francese allenata da Pascal Bary. Sulla sua sella c’era il fantino francese Stephane Pasquier, che dopo la gara ha commentato: “ho deciso di seguire Dettori perché penso che sappia quello che fa. Poi quando le ho davvero chiesto di andare lo ha fatto ed è stata ben disposta.”

“È una cavalla fantastica, frutto di un incredibile allevamento. Fino ad ora ha corso su distanze troppo corte per le sue capacità e questo l’ha penalizzata. Ma nonostante questo mi è stato permesso di farla correre in questa gara, anche se era scesa in pista appena due settimane fa. Ha fatto un’ottima gara, in una corsa con un ritmo molto veloce, mostrando un incredibile cambio di velocità.”

0
0