Getty Images

Austria: pista favorevole alla Ducati, Dovizioso e Lorenzo puntano al bersaglio grosso

Austria: pista favorevole alla Ducati, Dovizioso e Lorenzo puntano al bersaglio grosso

Il 08/08/2017 alle 16:00Aggiornato Il 08/08/2017 alle 17:17

Dal nostro partner OAsport.it

Dopo i passi falsi di Assen, Sachsenring e Brno, per la Ducati è necessaria una pronta riscossa. Sono lontane, infatti, le vittorie di Mugello e Barcellona, che facevano volare al comando della classifica generale Andrea Dovizioso. Da quel momento in avanti il pilota forlivese ha iniziato a ragionare troppo e a spingere meno, facendosi sorpassare in classifica sia da Marc Marquez che da Maverick Vinales (con Valentino Rossi distante ormai un solo punto). Se per Dovizioso la situazione è ancora totalmente gestibile, con chance di titolo ancora possibili, per il suo compagno di scuderia, Jorge Lorenzo, prosegue senza sorrisi la stagione 2017.

Il calendario, tuttavia, propone alla Ducati la migliore occasione possibile per centrare una pronta rivincita. Nel prossimo weekend, infatti, si correrà il GP di Austria, sul Red Bull Ring, il circuito più favorevole di tutta la stagione per il team di Borgo Panigale. L’anno scorso il dominio fu netto. Andrea Iannone (all’epoca ancora in Ducati) centrò la pole position, vinse la gara davanti al compagno di scuderia Andrea Dovizioso, per una splendida doppietta, e fissò anche il giro più veloce in gara.

Jorge Lorenzo

Jorge LorenzoEurosport

In poche parole è in arrivo l’occasione più ghiotta possibile per Dovizioso e Lorenzo, per invertire il trend della loro annata. Appuntamento da non fallire per il romagnolo, una vittoria che da possibile deve diventare certezza, per accumulare 25 punti pesanti e ribadire ai rivali che per la lotta al titolo c’è ancora. Per il maiorchino, invece, il Red Bull Ring (dopo il terzo posto di dodici mesi fa davanti a Valentino Rossi) può essere una sorta di trampolino di lancio per rilanciarsi in un finale di stagione migliore, dopo un avvio di avventura in Ducati decisamente negativo.

Il GP di Austria come vero e proprio spartiacque di una stagione per la Ducati. Fiducia da un lato, sapendo che la Desmosedici è perfetta per il tracciato incastonato nei monti della Stiria (dove un mese fa si è corso il GP di Formula Uno con la vittoria di Valtteri Bottas su Mercedes) con i suoi rettlinei, le curve di percorrenza ed i saliscendi che richiedono potenza di motore (e che l’anno scorso misero in grossa difficoltà le Honda). Dall’altro lato, però, si fa largo il sapere di trovarsi di fronte ad un appuntamento da non fallire. Da quale parte della bilancia penderà il piatto? Per la scuderia bolognese, di sicuro, è in arrivo un weekend di capitale importanza.

Video - Mai dare troppo del "tu" alle moto: la Top 10 delle scivolate

01:32
0
0