Getty Images

Moto2: Morbidelli mette le ali, al Ring arriva il 7° successo davanti a Marquez e Luthi

Moto2: Morbidelli mette le ali, al Ring arriva il 7° successo davanti a Marquez e Luthi

Il 13/08/2017 alle 12:55Aggiornato Il 13/08/2017 alle 13:57

Dopo l'8° posto di Brno il pilota italo-brasiliano si rilancia al Red Bull Ring cogliendo il 7° successo in 11 gare, vittoria autoritaria e che gli permette di allungare su Luthi (3°) in classifica generale. Quarto posto per Bagnaia che precede Pasini.

Il dominatore incontrastato della classe Moto2 è tornato a ruggire. Franco Morbidelli, archivia in fretta, il deludente 8° posto di sette giorni fa a Brno e in Austria coglie il settimo successo della sua fantastica stagione, Il rider italo-brasiliano è stato il più freddo nella accesissima bagarre con il veterano Tom Luthi e il compagno di squadra Alex Marquez e, dopo aver preso il controllo della corsa alla prima curva, ha praticamente sempre condotto le danze non perdendo mai la testa e rispondendo da campione a tutti gli attacchi.

Per Morbidelli, scattato dalla prima fila, un successo cruciale in chiave campionato visto che gli permette di allungare a 26 lunghezze il vantaggio su Luthi, il rivale più agguerrito in chiave titolo iridato.

" Questo è un successo cruciale – esclama raggiante a fine gara, Morbidelli - Dopo Brno, dove solo un po’ di sfortuna ci ha impedito di ottenere un risultato inatteso per quello che è il nostro potenziale, era importante rispondere alla grande e ci siamo riusciti con un successo non scontato ma ancora più bello. Ringrazio al team perché la moto era veramente velocissima. Riuscire a raggiungere tutti questi successi non è stata una passeggiata, anche oggi pensavo di andarmene ma non ci riuscivo e così quando ho capito che anche i miei avversari stavano spingendo al massimo ho pensato di stare davanti a tutti e vedere cosa succedeva e per fortuna questa mia scelta ha pagato. Il mondiale? Ho 26 punti che sono un buon margine ma che non mi permette di potermi rilassare, penso che questo equilibrio avvalora il percorso che sto facendo: ogni gara lotto con due campioni del mondo che mi rendono la vita complicatissima, io ci sto lavorando per cogliere il mio primo titolo e ce la proverò tutta fino alla fine "

Tre italiani nella top 5

Se Morbidelli sorride, l'Austria conferma il brillante stato di forma di altri due piloti di casa nostra: Pecco Bagnaia, rookie del team SKY VR46, si conferma il debuttante più veloce della categoria e coglie il primo quarto posto stagionale precedendo Mattia Pasini, che nel giorno del suo 32esimo compleanno, si regala un bel quinto posto sfruttando anche l'highside di Olivera a cinque giri dalla fine. Fuori dalla top ten Simone Corsi 11°, non classificati Baldassarri, Marini, Locatelli e Manzi.

Video - Cosa è cambiato dal debutto di Valentino Rossi?

00:01
0
0