LaPresse

I precedenti di Valentino Rossi in Qatar: un poker di successi per il "Dottore" ma…

I precedenti di Rossi in Qatar: un poker di successi per il "Dottore" ma…

Il 20/03/2017 alle 22:00Aggiornato Il 20/03/2017 alle 22:15

Dal nostro partner OAsport.it

Manca meno di una settimana all’inizio del Mondiale di MotoGP 2017 e, forse anche con fare nostalgico, sfogliamo l’album dei ricordi chiedendoci: Valentino Rossi quante volte ha vinto a Losail (Qatar), circuito dove tutto avrà inizio? Non richiede molto rispondere a questa domanda. Una rapida ricerca su internet, un conto veloce ed i successi sono 4: nel 2005, 2006, 2010 e 2015 da accompagnare anche a 4 secondi posti tra il 2007 ed il 2014.

Un tracciato dunque su cui la firma del “Dottore” è stata posta spesso. Una storia iridata iniziata nel 2004 con il Circus quando però il successo andò al buon Sete Gibernau su Honda con un Rossi penalizzato e caduto. Al pilota di Tavullia fu contestato nel corso delle prove il fatto che il suo team si fosse preoccupato di pulire la posizione di partenza della Yamaha. La stessa penalizzazione, per lo medesima motivazione, venne inflitta anche all’eterno rivale Max Biaggi. Una rimonta furiosa quella del 46 che, in un battibaleno, raggiunse la quinta piazza. Purtroppo per lui la cavalcata sull’asfalto arabo si arrestò poco dopo per una caduta tanto amara.

Ricordi tristi ma anche felici pensando al successo di due anni fa, l’ultimo del 9 volte campione del mondo in Qatar. Valentino, infatti, scattato dall’ottava piazza, mise in scena uno spettacolo d’alta scuola con manovre da urlo e un susseguirsi incessante di giri veloci riuscendo nell’impresa di bruciare per meno di due decimi un gagliardo Andrea Dovizioso in sella alla Ducati sotto la bandiera a scacchi. Una delle migliori esibizioni di Vale.

Ci sono possibilità per il quinto sigillo? Difficile rispondere a questa domanda. L’esito dei test non è stato confortante. Il centauro italiano ancora non ha trovato la chimica giusta con la sua M1 ed il rapporto con l’anteriore è enigmatico. Si arriverà dunque al primo giorno di scuola con più dubbi che certezze e la consapevolezza che Maverick Vinales, Marc Marquez e le Ducati andranno forte. Vero è che Rossi, nella sua ormai più che ventennale storia, mai si è arreso ed il n.5, alla voce “vittorie”, non è un’idea del tutto tramontata…

0
0