Getty Images

La pagelle: grandi Zarco e Pedrosa, Marquez bionico. Ducati e Dovizioso silenziati

La pagelle: grandi Zarco e Pedrosa, Marquez bionico. Ducati e Dovizioso silenziati
Di Eurosport

Il 12/11/2017 alle 16:12Aggiornato Il 12/11/2017 alle 16:56

E' tempo di dare i voti all'ultimo atto della stagione 2017 della MotoGP. Dani Pedrosa vince la gara di Valencia davanti all'ottimo Johann Zarco, ancora una volta MVP. Marc Marquez rischia troppo, inutilmente, ma il salvataggio in curva 1 rimarrà nella storia. Ducati e Dovizioso senza armi, a Valencia mancava il passo per stare con i primi. Rossi si salva, Viñales crolla con la Yamaha 2017.

Dani PEDROSA 9: Come al solito a Valencia fa sempre una gran gara, venendo fuori nella parte finale. Prima fase da scudiero di Marquez, poi rompe gli indugi e batte Zarco all'ultimo giro. Chiude l'anno con due vittorie, quarto nel mondiale davanti a Rossi.

Johann ZARCO 10: Un gran peccato. Oggi meritava il successo per tutto ciò che ha fatto a Valencia e nel 2017. Pedrosa però gli rompe le uova nel paniere nell'ultimo giro. Poco importa, questo Zarco è veramente forte.

Marc MARQUEZ 7: Voto veramente complesso. In fin dei conti sbaglia questa gara, sbaglia perché doveva fare il ragioniere, non rischiando nulla. Per quasi venti giri esegue alla perfezione, cercando di non "tamponare" Zarco. Poi però viene fuori il vero Marquez, attacca e cade subito nell'errore. Ma il salvataggio è qualcosa di epico, che gli vale almeno il 7 in pagella. Finisce la gara ancora a podio, uno dei più dolci della carriera.

Alex RINS 8: Chiudere la stagione con il miglior risultato della carriera in MotoGP è sempre un ottimo viatico per il futuro. Bravo Alex a recuperare dall'infortunio e, insieme al compagno e a tutta la squadra, uscire dal momento no della Suzuki. Il 2018 deve essere comunque migliore.

Valentino ROSSI 6: In fin dei conti, risultato alla mano, la gara non è è stata così negativa. Il problema sono quei 13 secondi di distacco su Zarco e, ricordando quanto andava forte questa moto nei test dello scorso anno, fa veramente pensare. C'è da archiviare un 2017 avaro di successi e pensare all'anno prossimo. Forse l'ultimo della carriera.

Andrea IANNONE 6: Le premesse a questa gara erano certamente migliori. Invece Andrea disputa una corsa ricca di alti e bassi, chiudendo però in una dignitosissima sesta piazza. Ripensando alla situazione estiva, c'è da vedere il bicchiere mezzo pieno.

Jorge LORENZO 4: Alla fine ne esce bene e senza polemiche, anche perché il Dovi ha ammesso che non ne aveva per passarlo e di aver sfruttato il suo traino, ma la sua gara a tratti lascia l'amaro in bocca. Non sarebbe cambiato nulla, anzi spesso ha mostrato un passo migliore rispetto a Dovizioso, ma se la squadra per una decina di giri ti dice di far passare il compagno, o dimostri di averne molto di più o esegui gli ordini. Invece lui rimane li, davanti al Dovi, fino alla caduta. Perde l'ennesima occasione in carriera per risultare simpatico agli italiani.

Andrea DOVIZIOSO 5: Guardando solo ed esclusivamente alla gara di oggi, la prestazione del Dovi non è sufficiente. Non aveva il passo ne per vincere, ne per stare con Honda e Zarco. Rimane dietro a Lorenzo senza brillare, poi cade dopo la scivolata di Marquez. Comunque poco male, il titolo non l'ha perso certo a Valencia.

Maverick VIÑALES 3: Chiude una stagione che penso voglia dimenticare al più presto, soprattutto nella parte finale. Il debutto sembrava essere quello dei sogni, poi il crollo totale. C'è da lavorare sulla moto 2018, la base non è però quella delle migliori.

Video - Il grande riscatto di Dovizioso: quando la normalità diventa un punto di forza

01:03
0
0