Eurosport

Pera si conferma fra le sorprese di gara-1 al Mugello

Pera si conferma fra le sorprese di gara-1 al Mugello
Di Eurosport

Il 16/07/2017 alle 11:39Aggiornato Il 16/07/2017 alle 18:04

Il rookie toscano di Ebimotors capitalizza il caos del quarto giro fra Quaresmini e Fulgenzi e fa il pieno di punti allungando in classifica su Rovera, quarto

Quarta vittoria su sette gare disputate finora per Riccardo Pera nella Carrera Cup Italia. Nel quarto round del monomarca tricolore Porsche al Mugello il 18enne rookie lucchese di Ebimotors – Centro Porsche Verona conquista una vittoria pesante in ottica campionato in gara 1, settando pure il giro più veloce. Con questo successo casalingo, infatti, il pilota toscano allunga in vetta alla classifica su Alessio Rovera (Tsunami RT – Centro Porsche Padova). Episodio chiave della corsa è stata la doppia eliminazione del poleman Gianmarco Quaresmini (Dinamic Motorsport – Centro Porsche Bologna) e di Enrico Fulgenzi (Ghinzani Arco Motorsport – Centro Porsche Latina), che dalla prima fila lo aveva superato alla partenza. Giunti al quarto giro, Quaresmini ha attaccato all'esterno della prima curva il rivale marchigiano, che a sua volta ha cercato di resistere perdendo il controllo della 911 GT3 Cup, che poi è finita proprio contro quella del 21enne bresciano. Finiti entrambi nella ghiaia, l'episodio ha coinvolto anche Rovera, che li seguiva e che non ha potuto evitare Fulgenzi, toccandolo e danneggiando l'anteriore. Il 22enne varesino è poi riuscito a riprendere in quarta posizione, conservata fino al traguardo. In testa si era però intanto involato Pera, mentre la direzione gara ha dovuto impiegare la safety car. Alla ripartenza del settimo giro un altro episodio chiave, quello che ha portato Francesca Linossi in seconda posizione, scavalcando Simone Pellegrinelli, al termine della gara terzo con la 911 GT3 Cup del Bonaldi Motorsport – Centro Porsche Bergamo.

Seconda alle spalle di Pera, però, è proprio Linossi a entrare nella storia della Carrera Cup: la 25enne bresciana di Dinamic Motorsport – Centro Porsche Brescia è infatti la prima donna in assoluto a salire sul podio del monomarca targato Porsche. La top-5 è stata completata da Alex De Giacomi. Il bresciano di Dinamic Motorsport – Centro Porsche Mantova ha così vinto nella categoria della Michelin Cup, nella quale grazie a questo risultato pieno diventa il nuovo leader della classe dedicata ai gentlemen drivers scavalcando Ivan Jacoma (Ghinzani Arco Motorsport), ritirato al primo giro dopo un fuoripista. Con il sesto posto di gara 1, il driver toscano Niccolò Mercatali (Dinamic Motorsport – Centro Porsche Bologna) è secondo di Michelin Cup (con tripletta Dinamic Motorsport sul podio completata da Stefano Zanini) e partirà in prima fila nella gara 2 in programma domenica alle 9.50 (diretta tv sul canale DMAX e streaming su www.carreracupitalia.it), per effetto della griglia invertita. Gara 1 è terminata sotto il regime di una seconda safety car per l'uscita di pista di Jonathan Giacon (Tsumani RT) nei minuti finali quando era il pilota veneto a occupare la sesta posizione, ereditata a sua volta da Hans-Peter Koller (Ghinzani Arco Motorsport – Centri Porsche Milano), che però è stato poi penalizzato di 5 secondi per un sorpasso in regime appunto di neutralizzazione, lasciando di fatto via libera a Mercatali.

Riccardo Pera (1°): “Nel momento del contatto fra i primi ho subito frenato e scartato dalla parte giusta, sono contentissimo di questa vittoria, anche perché nei giri successivi avevo comunque un ottimo ritmo e ho migliorato il giro più veloce. Oggi è stata una scossa importante per il campionato, che però è ancora lungo, siamo solo a metà, anche se questo risultato è davvero pesante, per fortuna a nostro favore”. Francesca Linossi (2°): “Ho attaccato Pellegrinelli nel momento giusto, oggi avevo deciso di sfruttare un treno di gomme jolly nuove proprio perché volevo giocarmi tutto. E finalmente un po' di fortuna mi è tornata indietro. Provo una gioia immensa, è già una grande soddisfazione essere qui in Carrera Cup Italia figuriamoci diventare la prima ragazza a salire sul podio”. Simone Pellegrinelli (3°): “Una gara certamente caotica. Ci ha aiutato un po' di fortuna ma con il team continuiamo a progredire e il passo con la vettura era ottimo. Alla ripartenza dalla safety car ero concentrato su Pera davanti a me e Linossi è stata bravissima a sorprendermi. Però oggi davvero bene, siamo contenti di questo importante podio”.

La classifica

1. Pera (Ebimotors – Centro Porsche Verona), 14 giri in 33'31”615 alla media di 131,410 km/h; 2. Linossi (Dinamic Motorsport – Centro Porsche Brescia) a 0”264; 3. Pellegrinelli (Bonaldi Motorsport – Centro Porsche Bergamo) a 1”624; 4. Rovera (Tsunami RT – Centro Porsche Padova) a 2”226; 5. De Giacomi (Dinamic Motorsport – Centro Porsche Mantova) a 2”499; 6. Mercatali (Dinamic Motorsport – Centro Porsche Brescia) a 2”690; 7. Zanini (Dinamic Motorsport – Centro Porsche Modena) a 2”867; 8. Selva (Ebimotors – Centro Porsche Firenze) a 4”246; 9. Curti L. (Tsunami RT – Centro Porsche Padova) a 4”375; 10. Curti C. (Tsumani RT – Centro Porsche Padova) a 5”307; 11. Minetti (Ghinzani Arco Motorsprot – Centri Porsche Roma) a 6”125; 12. Walter Ben (Bonaldi Motorsport) a 6”364; 13. Koller (Ghinzani Arco Motorsport – Centri Porsche Milano) a 7”356; 14. Cazzaniga (Ghinzani Arco Motorsport – Centri Porsche Milano) a 2'02”289; 15. Giacon (Tsunami RT) a 3 giri; 16. Reggiani (Ghinzani Arco Motorsport – Centri Porsche Roma) a 3 giri. Giro più veloce: l'11° di Pera in 1'54”085 alla media di 165,508 km/h.

0
0