Getty Images

Russia esclusa dalle Olimpiadi ma scatta il via libera agli atleti indipendenti

Russia esclusa dalle Olimpiadi ma scatta il via libera agli atleti indipendenti
Di Eurosport

Il 05/12/2017 alle 19:38Aggiornato Il 06/12/2017 alle 18:54

L'annuncio dal presidente del CIO Thomas Bach da Losanna: la Russia è ufficialmente esclusa da Pyoengchang 2018. Comitato Olimpico Russo escluso con effetto immediato, ma spazio gli atleti indipendenti a patto che dimostreranno di non aver avuto alcun coinvolgimento con il doping di stato russo. La Russia annuncia ricorso al TAS.

La "manipolazione sistematica delle regole e del sistema anti-doping in Russia" emersa dal Report Schmid ha indotto il Comitato Olimpico Internazionale a escludere la Russia dalle Olimpiadi invernali di Pyoengchang 2018. Lo ha annunciato il presidente Thomas Bach dopo che i quindici membri dell'Esecutivo del CIO si erano riuniti a Losanna. Questo non significa che nessun atleta russo potrà prendere parte alle gare sudcoreane: gli atleti indipendenti - ovvero chi dimostrerà di non aver avuto alcun coinvolgimento con il "doping di stato" - potranno gareggiare sotto la bandiera olimpica (senza il diritto dell’inno russo in caso di vittoria come succede nell’atletica leggera). Quanto al Comitato Olimpico Russo, deve ritenersi sospeso con effetto immediato.

" Si è trattato di un attacco senza precedenti all'integrità dei Giochi Olimpici e dello Sport: l'Executive Board del CIO, dopo aver seguito il processo necessario, ha emanato sanzioni proporzionali per questa manipolazione sistematica proteggendo al contempo gli atleti puliti. Questo infausto episodio deve segnare una linea e servire da catalizzatore per un sistema anti-doping più efficace guidato dalla WADA (Thomas Bach)"

Si tratta di una decisione epocale che non ha precedenti a livello olimpico (la Russia era stata esclusa dalle Paralimpiadi 2014 come intero comitato olimpico, la Federazione russa di atletica era stata bannata da Rio 2016). Comminate anche sanzioni ai piani alti del Comitato Olimpico Russo: bannati a vita dalle Olimpiadi il ministro dello Sport Vitaly Mutko e il suo viceministro Yuri Nagornykh, sollevato dal suo ruolo nell'ambito del Comitato organizzativo di Pechino 2022 Dmitry Chernyshenko (amministratore delegato del Comitato di Sochi 2014), sospeso il Presidente del Comitato Olimpico Russo Alexander Zhukov.

.

Video - Patagonia Dreaming: il team Russia di sci alpino si prepara a PyeongChang 2018

08:43

0
0
Ultimi video