LaPresse

L’Italia è l’ombelico del Mondo: tra Final Four di Champions e Mondiali si torna a sognare

L’Italia è l’ombelico del Mondo: tra Final Four di Champions e Mondiali si torna a sognare

Il 17/02/2017 alle 12:22

Dal nostro partner OAsport.it

L’Italia sembra essere tornata l’ombelico del mondo nel circuito del grande volley. Dopo anni bui, caratterizzati da una crisi economica che ha abbassato il livello del nostro campionato e portato anche alla chiusura di alcune società, il nostro movimento è tornato a crescere dal punto di vista tecnico (ormai la SuperLega è tornata a essere i campionato di riferimento in Europa insieme alla Russia considerando i giocatori presenti).

La voglia di investire è tornata e l’organizzazione delle Final Four della Champions League 2016/2017 sia maschile che femminile sono un marchio su questo momento. Perugia si è sobbarcata l’onore degli atti conclusivi maschili (al PalaLottomatica di Roma, pienone assicurato per lo Zar e compagni), Conegliano avrà l’onore di ospitare l’appuntamento finale al PalaVerde di Treviso.

L’Italia non aveva mai organizzato le due Final Four nello stesso anno: l’ultima maschile risale al 2011 (vittoria di Trento a Bolzano), l’ultima femminile è dello scorso anno (successo di Casalmaggiore a Montichiari).

I grandi eventi sono molto importanti per far crescere un movimento e dargli una maggiore visibilità, accompagnati anche però anche da un supporto nei confronti della base. È proprio su queste due tematiche che Magri e Cattaneo si affronteranno il prossimo weekend nelle attesissime elezioni federali, con il Presidente uscente che sembra essere sfavorito nei pronostici della vigilia.

L’attuale numero 1 della FIPAV ha messo a segno però due importantissimi colpacci, oltre al fatto che l’Italia organizzerà i Mondiali 2018 di volley maschile (Finali a Torino). Portare in giro i grandi personaggi, mettere in mostra i grandi talenti del volley, vedere da vicino i giocatori più importanti non può che fare un grande bene: è proprio così che magari qualche nuovo appassionato può iniziare a giocare, diventando magari il fenomeno del futuro.

Intanto coccoliamoci la Champions League e l’affetto del pubblico, pregustando già il bagno di folla per l’Italia il prossimo anno durante la rassegna iridata (la terza consecutiva ospitata nel nostro Paese dopo gli uomini nel 2010 e le donne nel 2014): ci sarà da divertirsi.

Video - Italvolley d'argento: una grande squadra che non dimenticheremo

00:54
0
0