From Official Website

L’Italia surclassa la Francia, il podio della Grand Champions Cup è più vicino

L’Italia surclassa la Francia, il podio della Grand Champions Cup è più vicino

Il 16/09/2017 alle 11:44

Dal nostro partner OAsport.it

L’Italia continua a macinare vittorie alla Grand Champions Cup 2017 di volley maschile e conquista il terzo successo consecutivo sconfiggendo la Francia per 3-1 (21-25; 25-20; 25-22; 25-21). Gli azzurri, dopo aver messo sotto Brasile e Giappone, agganciano proprio i Campioni Olimpici (oggi vittoriosi al tie-break sugli USA) al primo posto in classifica: siamo davvero molto vicini al podio ma il trionfo finale è davvero molto difficile (dovremmo sconfiggere gli Stati Uniti con punteggio netto e sperare che i verdeoro lascino due set ai nipponici).

La nostra Nazionale ha giocato una partita discreta contro i transalpini, privi delle stelle più importanti (Ngapeth, Le Roux e Grebennikov) e scesi in campo addirittura senza la diagonale titolare (Toniutti-Boyer). Nonostante una formazione rimaneggiata, i ragazzi di Tillie sono riusciti a vincere il primo set sfruttando il grande turno in battuta del centrale Chinenyeze ma in seguito gli uomini di Chicco Blengini si sono prontamente rialzati e hanno messo sotto gli avversari alzando il livello di gioco in tutti i fondamentali.

Luca Vettori è letteralmente scatenato in questo torneo e si conferma in grandissima forma: 24 punti con il 60% in attacco per il nostro opposto, abile a trascinarci e a fare la differenza da ogni zona del campo. Prestazione di qualità anche da parte degli schiacciatori Filippo Lanza e Oleg Antonov (14 punti a testa), va in doppia cifra anche il centrale Daniele Mazzone (10 punti, 2 muri e 2 aces che fanno al differenza nel quarto set) affiancato da Matteo Piano (4 muri), regia impeccabile da parte di Simone Giannelli, Massimo Colaci il libero.

Alla Francia non sono bastati i 21 punti del nuovo opposto Jean Patry, 11 marcature a testa per lo schiacciatore Trevor Clevenot e il centrale Barthelemy Chinenyeze (4 muri), ha faticato l’altro martlelo Thibault Rossard (7) con Antoine Brizard in cabina di regia.

0
0