Legavolley femminile

Novara vince ancora: 3-1 su Modena e 2-1 nella serie scudetto

Novara vince ancora: 3-1 su Modena e 2-1 nella serie scudetto
Di Legavolley femminile

Il 06/05/2017 alle 23:38

Le azzurre di Marco Fenoglio vincono in rimonta Gara-3 della finale dei Play Off Samsung Gear Volley Cup di Serie A1, salgono 2-1 nel duello con le bianconere e si garantiscono una doppia occasione per agguantare il tricolore.

La Igor Gorgonzola Novara mette un altro tassello nella serie Scudetto contro la Liu Jo Nordmeccanica Modena. Le azzurre di Marco Fenoglio vincono in rimonta Gara-3 della finale dei Play Off Samsung Gear Volley Cup di Serie A1, salgono 2-1 nel duello con le bianconere e si garantiscono una doppia occasione per agguantare il tricolore: giovedì 11 maggio alle 20.45 è in programma Gara-4 al PalaPanini, in caso di successo modenese Gara-5 si disputerà domenica 14 maggio alle 17.30 al PalaIgor. Ancora una volta è il pubblico che trascina le sue beniamine alla vittoria. I 4500 di un PalaIgor strapieno spingono Francesca Piccinini e compagne alla rimonta dopo il ko nel primo set (dal 21-17): dal secondo parziale in poi l'Igor prende il controllo delle operazioni, con la sua capitana (14 punti con il 45% offensivo), con la solita Katarina Barun da 22 punti e con l'apporto dalla panchina di Judith Pietersen, autrice di 8 punti e nominata MVP del match. Per la formazione di Marco Gaspari più di un rimpianto per una gara in cui si è trovata quasi inaspettatamente sopra e che non è riuscita a gestire a causa di qualche errore di troppo (15 al servizio, 10 in attacco). Nella bolgia del palazzetto amico, però, le emiliane potranno rinascere per sognare anch'esse il titolo.


La cronaca

Il PalaIgor è più che sold out (tagliandi terminati più di 24 ore prima della partita, quasi 4500 gli spettatori) ed estremamente determinato a spingere le azzurre a un nuovo successo. Gli starting six sono gli stessi delle prime due gare. Coach Gaspari schiera Brakocevic opposta a Ferretti, Ozsoy e Caterina Bosetti in banda, Heyrman e Belien al centro, Leonardi libero. Fenoglio può contare su Barun, al palleggio c’è Dijkema, Piccinini e Plak in banda, Chirichella e Bonifacio al centro e Sansonna libero. L'inizio è di marca Igor, con due muri di Barun su Bosetti (3-0). Sansonna sprona le compagne in difesa, ne nasce uno scambio fantastico chiuso da Plak e dal boato del palazzetto: 6-2. L'intensità di gioco è già elevatissima, la Liu Jo Nordmeccanica entra in temperatura e con Heyrman e il servizio di Bosetti rientra (6-5). Sbuca Ozsoy, pallonetto e poi diagonale dopo difesa su Barun, 8-8. L'ace di Plak rimette luce tra le due squadre, Bonifacio pronta sul primo tempo e 11-8. Ancora l'olandese dai nove metri, aiutata dal nastro: 12-8 e time out Gaspari. Muro di Belien e contrattacco di Brakocevic, controparziale bianconero (12-11). Centrali modenesi come sempre nel vivo del gioco, Belien firma il 13-13. La battuta fa la differenza, Barun forza e la Igor risale 16-13. Ancora Barun sulla ricostruzione di Donà, +4 e altro time out della panchina ospite. Chirichella in attacco è una sentenza, Bosetti non molla e 18-15. Brakocevic fallisce l'occasione del -2, quindi sbaglia in pipe e Novara scappa 20-15. Al contrario Barun produce punti diretti anche su palle complicate. Sul 21-17 la carta Bianchini: Plak murata, Sansonna serve inavvertitatamente Brakocevic -2 (tempo Fenoglio). Si rientra e Bianchini non si placa, due quasi ace e 21-21. C'è anche il sorpasso a causa di un'invasione azzurra e arriva l'urlo liberatorio quando Bianchini sbaglia. Brakocevic fa 22-23, Bonifacio scatena i tifosi con il muro su Bosetti e 23-23. Errore di Piccinini e set point Modena. La capitana si rifà subito, 24-24. Ancora Brakocevic con il mani out fa 24-25, è Heyrman a infilare la fast che decide un bellissimo primo set.

L'avvio del secondo parziale ricalca quello del primo: la Igor scatta (3-1), la Liu Jo Nordmeccanica ricuce (3-3). Altro allungo di casa, 6-3 con il block-out di Piccinini. Confusione bianconera, Leonardi e Ferretti si scontrano sull'alzata, ne approfitta Chirichella per il 7-3. Heyrman non trova il tempo sul servizio al salto e concede il 9-5, ricambiano il regalo Chirichella e Dijkema. Leonardi para il primo tempo di Bonifacio, che si avventa sulla respinta e fa 11-7. Due traccianti di Barun tengono la Igor sul +4 (13-9), Chirichella fa buona guardia sotto rete: 15-10 e Gaspari ferma il gioco. C'è Pietersen per Plak, Dijkema la chiama subito in causa e 17-12. Pipe di Ozsoy, invasione di Dijkema e Modena si avvicina sul 17-15. Il servizio della turca spiazza la ricezione Igor, primo tempo di Belien e 17-16. Con due difese di Sansonna, Novara ricostruisce parte del vantaggio (19-16), mentre Marcon sostituisce Bosetti. Stupenda la piazzata di Brakocevic, ancora -1. Poi però l'opposta attacca sull'astina e 21-18. Due muri bianconeri e tutto ancora in bilico: 22-21. Piccinini ruggisce, Ozsoy graffia: 23-22. Dentro Bianchini, che però non forza ed ecco la fast di Chirichella. Due set point Igor. Brakocevic annulla il primo, Alberti trasforma il secondo: 25-23 e 1-1.

Alberti e Pietersen confermate in campo, così anche Marcon. Partenza bruciante delle ospiti, 0-4 con qualche errore di troppo da parte delle azzurre. Pochi secondi di brividi, quando Chirichella ricade sulla caviglia. La centrale si rialza immediatamente, pericolo scampato. Con la solita Barun e un errore di Ozsoy, la Igor rientra immediatamente (5-5) e supera con la parallela di Pietersen (7-6), salutata da un'ovazione. Il parziale non si arresta, sul 9-6 Gaspari rimette Bosetti per Marcon. Pietersen non passa con il pallonetto e Ferretti va di seconda: 10-10. Rientra Bonifacio, mentre Brakocevic attacca per il sorpasso 11-12. Piccinini prima, Bonifacio poi e la Igor scatta 14-12. Che palla Piccinini, tocco dolce e 16-14. Due errori ospiti in attacco confezionano il +4 (18-14). Barun sceglie sempre la cosa giusta e fa 19-16. Dentro Donà per Piccinini al servizio, mossa utile per la slash di Chirichella. La Liu Jo Nordmeccanica tenta la rimonta, spezzata dal brutto errore di Ozsoy: dal possibile 21-20 al 22-19. È il colpo del ko, l'Igor si gasa e in corre rapida verso il 25-20 con il muro di Bonifacio su Brakocevic.

Sembra avere subito il contraccolpo psicologico per l'andamento del terzo set la Liu Jo Nordmeccanica, sotto 5-1 nel quarto con il muro di Barun su Ozsoy. La croata è caldissima, ace millimetrico (7-2) e tuffo per la pipe di Pietersen (8-2). Gaspari prova a correre ai ripari: dentro Marcon, Garzaro e Bianchini per Bosetti, Belien e Brakocevic. Il servizio di Garzaro esce di una manciata di centimetri, quello di Chirichella piove sulla riga: addirittura 12-4 Igor. Assolo azzurro, con Barun di nuovo a segno per il 14-5. Se nemmeno la fast di Heyrman, murata da Piccinini, sortisce effetti positivi per Modena, le cose si fanno difficili: 16-6. Il PalaIgor scandisce punto dopo punto, il Video Check riconsegna alle azzurre il punto del 20-10. Pietersen su palla staccata tra le mani del muro, 22-11. C'è la reazione della Liu Jo Nordmeccanica, che riduce un po' il divario (22-15). Bonifacio e Barun entrambe out e la rimonta assume contorni interessante. Ci pensa Barun a ridare respiro al PalaIgor. Garzaro sigla il muro del -5 (23-18), Bonifacio porta al match point. Ozsoy ne annulla uno, Piccinini va lunga sul secondo e 24-21. Palla di nuovo alla capitana e arriva il punto della vittoria: 25-21.

"Non è mai facile reagire a un primo set perso in quel modo, la voglia di vincere era tanta in entrambe le squadre, ma siamo riuscite noi a prevalere - afferma Sara Bonifacio, centrale della Igor Gorgonzola -. Indubbiamente il palazzetto ci ha dato una mano, ha messo pressione a loro e ha aiutato noi a chiudere i set. Cosa succede ora? Abbiamo tanta voglia di giocare, le prime tre gare sono state ravvicinate e invece ora dovremo attendere qualche giorno in più prima di Gara-4. Ci sarà fermento nello spogliatoio, ma vogliamo vincere".

"Ogni volta che finisce la partita ho l'idea che siamo lì, siamo lì e poi non riusciamo a concretizzare - racconta Giulia Leonardi, libero della Liu Jo Nordmeccanica -. Brakocevic ha disputato due set straordinari e poi è calata un po', per noi lei è fondamentale. Per fortuna siamo riuscite a raddrizzare un ultimo set che sembrava disastroso: questo ci dà fiducia, perché ci ricorda che anche loro possono avere dei cali. La nostra partita non è stata bellissima, però credo che un passo in più rispetto a Gara-2 l'abbiamo fatto. Il palazzetto è stato caldissimo, devo dire che il tifo ci ha dato leggermente fastidio - sorride -. Speriamo sia lo stesso a Modena fra qualche giorno".


IL TABELLINO
IGOR GORGONZOLA NOVARA - LIU JO NORDMECCANICA MODENA 3-1 (24-26, 25-23, 25-20, 25-21)
IGOR GORGONZOLA NOVARA: Alberti 1, Cambi, Plak 3, Donà, Pietersen 8, Bonifacio 9, Chirichella 16, Sansonna (L), Piccinini 14, Dijkema, Zannoni, Barun-susnjar 22. Non entrate Barcellini. All. Fenoglio.
LIU JO NORDMECCANICA MODENA: Brakocevic Canzian 15, Belien 6, Valeriano, Heyrman 10, Leonardi (L), Marcon 1, Bosetti 8, Ferretti 4, Ozsoy 20, Bianchini 2, Garzaro 3. Non entrate Caracuta, Petrucci. All. Gaspari.
ARBITRI: Vagni, Goitre.
NOTE - Spettatori 4500, durata set: 30', 27', 27', 29'; tot: 113'.

0
0