LaPresse

Tutti gli italiani da seguire in ottica Nazionale: si cercano conferme e volti nuovi

Tutti gli italiani da seguire in ottica Nazionale: si cercano conferme e volti nuovi

Il 12/10/2017 alle 14:07Aggiornato Il 12/10/2017 alle 14:08

Dal nostro partner OAsport.it

Nel weekend inizierà la SuperLega 2017/2018, il massimo campionato italiano di volley maschile. Si preannuncia una stagione molto intensa e combattuta, con tante stelle in campo e molte squadre pronte a sfidarsi per la conquista del titolo. Conosciamo più da vicino gli italiani da tenere d’occhi, i nomi più importanti in ottica Nazionale e i possibili volti nuovi.

I nomi più attesi sono ovviamente quelli di Ivan Zaytsev e Osmany Juantorena. Lo Zar ha una voglia infinita di vittoria come si è visto in Supercoppa, vuole lasciarsi alle spalle il caso scarpe che lo ha escluso dall’Italia, si è calato definitivamente della realtà di Perugia e da schiacciatore sta crescendo a vista d’occhio con un grande lavoro svolto in ricezione. La Pantera si è invece riposato durante tutta l’estate, vuole trascinare nuovamente Civitanova verso lo scudetto e si augura di poter essere in forma per i Mondiali casalinghi: molto dipenderà dallo stato fisico dello schiacciatore che potrebbe giocare accanto a Zaytsev, modulo che per forza di cose non abbiamo mai visto applicato

C’è tanta curiosità su come Luca Vettori e Giulio Sabbi si comporteranno rispettivamente a Trento e a Modena. Giocheranno in diagonale con Simone Giannelli (quindi c’è tutto il tempo per trovare gli automatismi in vista dell’estate che porterà ai Mondiali) e con il fenomeno Bruninho: Luca dovrà confermare il suo buon rendimento in campionato, Giulio ha l’occasione giusta per esplodere in un grande club. Filippo Lanza sarà invece il capitano di Trento, leader carismatico in campo che deve tenere alta la squadra, uno schiacciatore fondamentale anche nello scacchiere azzurro. Matteo Piano riparte invece da Milano: una vera e propria scommessa per il centrale che ha accettato la corte di Andrea Giani. L’altro trasferimento di lusso è quello del libero Massimo Colaci che sarà un pilastro di Perugia. E poi il grande quesito: Emanuele Birarelli tornerà in Nazionale? Intanto il capitano riparte da Verona poi chissà, mentre il suo vice Simone Buti ha cambiato tutto e vestirà la casacca di Monza.

Salto di qualità davvero importante per Fabio Ricci che, dopo aver brillato a Ravenna, si è guadagnato Perugia. Per un posto al centro accanto a Podrascanin dovrà duellare con Simone Anzani: il giovane si è messo in luce anche in estate con la maglia della Nazionale, vedremo se saprà disputare un’annata importante con una squadra di vertice.

Sebastiano Milan è un ottimo martello e può anche ricoprire il ruolo di opposto, ha disputato delle belle stagioni ma ritagliarsi degli spazi a Civitanova sarà davvero molto dura con i vari Sokolov, Kovar, Juantorena e Sander.

Il libero Daniele De Pandis, dopo delle buone prestazioni a Molfetta, è stato adocchiato da Trento e giocherà titolare: riuscirà a farsi largo nelle gerarchie azzurre. L’Italia è anche alla ricerca disperata di uno schiacciatore: Oreste Cavuto a Trento e Pinali a Modena possono essere una soluzione? Si parla molto bene di Andrea Argenta che si è scatenato con la casacca di Potenza Picena in Serie A2: l’opposto è la riserva di Giulio Sabbi a Modena, riuscirà a crescere ulteriormente con coach Stoytchev?

In cabina di regia bisognerà puntare gli occhi su Luca Spirito che quest’anno guiderà Verona: è un’occasione davvero d’oro dopo aver incantato a Ravenna, con Djuric in diagonale e giocatori di peso come Maar, Jaeschke e Birarelli può davvero crescere molto. Ci attendiamo conferme da Daniele Mazzone al centro dello scacchiere di Modena accanto a Holt mentre Tiziano Mazzone dovrà scalare le gerarchie all’interno di Ravenna, proprio come l’altro schiacciatore Raffaelli mentre al centro Vitelli dovrebbe partire titolare e potrebbe esplodere, panchina invece per Diamantini che però potrebbe avere delle buone occasioni. A Milano attenzione anche al palleggiatore Riccardo Sbertoli.

Da osservare tutto il blocco di Padova: questa deve essere la grande stagione dell’opposto Gabriele Nelli, Luigi Randazzo ha un’occasione d’oro, i centrali Polo e Volpato possono mettersi in mostra, il libero Fabio Balaso è galvanizzato dopo l’estate in azzurro.

Video - Un anno dopo: l'Italvolley fa sognare ed è ancora argento olimpico

06:16
0
0