LaPresse

O'Shea: "Venuti per vincere, sono orgoglioso". Eddie Jones: "Quello non era rugby"

O'Shea: "Venuti per vincere, sono orgoglioso". Eddie Jones: "Quello non era rugby"

Il 26/02/2017 alle 19:54

Il cambiamento di gioco attuato dallo staff azzurro ha portato i suoi frutti a Twickenham: l'Italia ha messo sotto per larghi tratti l'avversaria più forte.

Conor O'Shea (ct Italia)

" Sono molto fiero della nostra prestazione: esperienza, difesa, sono molto orgoglioso della mia squadra. Abbiamo un lungo viaggio davanti a noi. Se abbiamo la giusta mentalità e se facciamo i giusti cambiamenti per il rugby in Italia, possiamo diventare una buona squadra. La scelta di non contestare i break-down? Nelle prime due partite abbiamo fatto tantissimi placcaggi e non abbiamo ricavato niente; abbiamo cercato di cambiare qualcosa per provare a vincere la partita, non per fare numeri. "

Sergio Parisse

" Abbiamo giocato bene in difesa, cercando di mettere in difficoltà l'Inghilterra. Bravi Conor e lo staff. L'Inghilterra rimane una delle squadre più forti al mondo. Usciamo da questo campo a testa alta. A chi ci vuole fuori dal Sei Nazioni dico che devono continuare a guardarci su Dmax. "

Michele Campagnaro

" Meta bellissima, peccato per qualche errore nostro perché loro hanno accelerato. Ho lavorato tanto per essere più attivo in difesa, sto cercando di farlo al meglio."

Eddie Jones (ct Inghilterra)

" Quello non era rugby. La gente dovrebbe chiedere indietro i propri soldi per il biglietto. Quando il nove non può passare la palla, come puoi giocare a rugby?"

Video - Italia battuta 29-15 dall'Inghilterra nel 6 nazioni femminile: gli highlights

03:07
0
0