Getty Images

Marco Melandri da sogno, torna alla vittoria a Misano! Estasi Ducati

Marco Melandri da sogno, torna alla vittoria a Misano! Estasi Ducati

Il 18/06/2017 alle 13:47Aggiornato Il 18/06/2017 alle 14:28

Dal nostro partner OAsport.it

Eurosport Player : Segui l’evento LIVE

Guarda Eurosport

Prima splendida, spettacolare vittoria stagionale per Marco Melandri! Il pilota italiano della Ducati ufficiale mette tutti in riga nella seconda manche del GP di San Marino e della Riviera di Rimini, settimo Round del Mondiale Superbike 2017. Il 34enne in Rosso riscatta come meglio non avrebbe potuto lo sfortunato 15° posto ottenuto ieri in gara-1, approfittando al meglio degli errori altrui e dimostrando di avere molta più fame, in occasione della tappa casalinga, dei duellanti iridati Rea-Sykes (pensate, partiva dalla decima piazzola in griglia!). I due piloti della Kawasaki chiudono oggi rispettivamente al 2° e al 3° posto, anche grazie al ritiro di Jordi Torres a tre giri dalla bandiera a scacchi. I venti punti conquistati da Rea in gara-2, bruciando di appena un decimo il compagno di squadra sul traguardo, rappresentano altri tasselli decisivi per il Campione del Mondo in carica in ottica tris iridato. La sintesi di gara-2. Lo spagnolo della Ducati – Barni Racing X

La sintesi di gara-2. Lo spagnolo della Ducati – Barni Racing Xavi Forés parte bene e passa per primo alla fine del giro n.1, mentre i due alfieri della Kawasaki ufficiale devono battagliare non poco per rimanere in scia con la testa del trenino. A partire dalla seconda tornata, Marco Melandri (Ducati – Aruba) si piazza intelligentemente sulle tracce del duo Sykes-Rea, rispettivamente terzo e quarto. L’operazione si rivelerà vincente, dal momento che i due britannici in Verdone macineranno il ritmo giusto per “trainare” l’esperto pilota italiano sul gradino più alto del podio finale. Ritiro clamoroso per Xavi Forés al quinto giro (problemi al motore della sua Panigale) con Jordi Torres su BMW nuovo leader della corsa.

Al 7° giro Tom Sykes va lungo, così Marco Melandri si appropria della seconda piazza senza colpo ferire: Torres nel mirino, Sykes terzo, Rea quarto in totale controllo “iridato”. A 12 giri dalla bandiera a scacchi, il ravennate prova il primo attacco alla testa della corsa: abortito. Dopo tre tornate, “Macho” ci riprova sempre alla staccata della “Quercia” e stavolta per lo spagnolo del team Althea BMW Racing non c’è nulla da fare. Da questo momento in avanti, il passo del rider romagnolo risulterà insostenibile per chiunque, mentre alle sue spalle Johnny Rea infila per l’ennesima volta quest’anno il team mate Tom Sykes, ormai prossimo alla bandiera bianca Mondiale…

Ecatombe di cadute e ritiri nella prima metà di gara: Ramos, Menghi, Forés, De Angelis, Lowes, nell’ordine. Out a pochi giri dal termine anche il pilota britannico della MV Agusta, Leon Camier, e soprattutto Jordi Torres, in quel momento secondo in classifica e protagonista di una gara eccellente. Buoni piazzamenti anche per i nostri Lorenzo Savadori (Aprilia) e Raffaele De Rosa (BMW), sesto e settimo dopo una gara gagliarda.

Video - Melandri in trionfo a Misano con la Ducati, una vittoria storica

02:35
0
0